Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
Articolo T.Col. Marziali

La formazione basica dei Marescialli dell'Aeronautica Militare viene svolta dal 2005 presso la Scuola di Viterbo, ereditando, di fatto, la gloriosa tradizione della Scuola Specialisti di Caserta.

Nata dalle "ceneri" della Scuola V.A.M., in un momento storico legato alla "sospensione" della Leva obbligatoria, presso la Scuola Marescialli A.M. la Forza Armata ha, fin da subito, impostato delle linee guida sulla falsa riga di quanto già avveniva in Accademia Aeronautica, sia dal punto di vista prettamente formativo, introducendo anche per i Marescialli un percorso di livello universitario (inizialmente quello di Scienze Organizzative e Gestionali ed attualmente in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali), che organizzativo e disciplinare affidando l'incarico di Comandante di Corso ad Ufficiali Superiori del Ruolo Normale delle Armi provenienti, quasi esclusivamente ed in modo ciclico, dai Corsi Regolari di tutte le Categorie/Specialità.

Fu così che nel 2012 mi ritrovai ad affrontare l'incarico di Comandante di Corso alla Scuola Marescialli pur provenendo da 7 anni nel settore della Logistica degli Armamenti durante i quali avevo svolto diversi incarichi "specialistici" come quello di Direttore dell'11° Deposito Centrale, di Capo Sezione Rifornimenti dell'Aeroporto di Dakovica e di Logistic Support Coordinator della Spring Flag 2008.

L'impegno fu subito notevole e la difficoltà maggiore fu quella di contribuire all'amalgama degli allievi provenienti dal Concorso Interno (ex sergenti e V.S.P. anche sposati e con figli) con quelli provenienti dal Concorso pubblico, più giovani di età e, nella maggioranza dei casi, a digiuno di qualsiasi esperienza lavorativa.

Il mio mantra, nei confronti dei "senior", fu quello di responsabilizzarli attraverso gli incarichi di Capo delle Commissioni (Amministrativa, logistica, eventi e musica, giornalino, ecc..), delle quali chiedevo continuamente resoconti sullo stato dei lavori, pur riconoscendogli alcuni "benefits" legati al loro particolare status.

Difatti dal mio Comando, furono introdotte alla Scuola delle "agevolazioni" in termini di concessioni di permessi e pernotti agli allievi sposati e/o con prole anticipando, quelle che furono poi le richieste del Rappresentanza Militare (COCER) di quel periodo.

In sostanza, quello che oggi nelle grandi organizzazioni private si chiama formazione esperienziale, team building ecc…, alla Scuola Marescialli lo realizzavamo tutti i giorni, fin dall'alzabandiera, attraverso i Corsi di sopravvivenza in mare/montagna e nella organizzazione di numerosi eventi conviviali, come la Festa degli auguri di Natale, rivolta principalmente ai congiunti degli allievi, e una serata conviviale, denominata "Sapori di SMAM", con il compito, affidato agli stessi, di presentare i prodotti tipici delle zone di origine.

Tra l'altro, negli anni successivi, svolsi di nuovo il Comando del 1° Anno per altre due volte, e ne approfittai per sostenere, con il fondamentale contributo dell'associazione "Viterbo con Amore", presieduta dal Colonnello Ris. Domenico Arruzzolo, la solidarietà "a Km 0" nei confronti di associazioni di stanza nel viterbese.

Le soddisfazioni del miei 4 Anni di Comando furono molte, dalla vittoria ai Ludi Sportivi fino ai brillanti risultati dei miei allievi negli studi, mentre le emozioni legate al mio "primo" giuramento da Comandante riecheggiano ancora nelle mie memoria come se fosse ieri.

All' "avanti march", di fronte al Capo di Stato Maggiore dell'AM e delle numerose autorità intervenute, un misto tra orgoglio e timore mi pervase dandomi quella giusta scarica di adrenalina che mi aiutò a portare a termine il compito di far gridare con forza il "lo giuro" dei miei ragazzi, al passaggio degli Eurofighter del 4°Stormo.

Nel tirare le somme dell'incarico di Comandante di Corso, posso dire che è stata sicuramente una esperienza importante per la mia crescita personale, per la carica di umanità necessaria nel supportare gli allievi durante il loro lungo e impegnativo percorso, guidando con l'esempio, e mettendo sempre la "meritocrazia" al centro della mia "vision" contribuendo, di fatto, a rendere la Scuola moderna ma allineata a valori e principi etici che ci si aspetta del "cittadino con le stellette".

Ten.Col. Simone MARZIALI


 

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.