Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
Skip Navigation Links Organizzazione > I Reparti > Reparti Difesa Aerea > 22° Gruppo Difesa Aerea Missilistica Integrata
22° Gruppo Difesa Aerea Missilistica Integrata
22 gram
22 GRAM

STORIA:

Il 22° Gruppo Difesa Aerea Missilistica Integrata (D.A.M.I.) viene costituito a Licola (NA) l'8 Settembre del 1956, quale Reporting Post con funzione di sorveglianza dello spazio aereo nazionale e NATO sovrastante il medio e basso Tirreno.

Nel 1968 il Sito assume la funzione di C.R.P. (Control Reporting Post, successivamente denominato nel 1972 C.R.C., Control Reporting Center) con possibilità di aggiungere alle sue funzioni originarie la capacità di controllo tattico dei velivoli intercettori pilotati (scramble).

Dal 1983 il Gruppo avvia la sua trasformazione dalla fase fonetico manuale utilizzata fino ad allora a quella semi-automatica. Ciò consente l'ingresso del Sito nella rete della difesa Aerea NATO denominata NADGE che si conclude favorevolmente nel dicembre 1984.

Dal 1990 il 22° Gruppo diventa l'alternato del S.O.C. (Sector Operation Center) di Martina Franca da cui allora dipendeva gerarchicamente con funzioni, all'occorrenza, di coordinamento e controllo dei vari C.R.C. dipendenti.

Nel 1995 viene avviato un ulteriore programma di ammodernamento con l'installazione del Sistema R.I.S. (Radar Integration System) attraverso il quale vengono gestite 8 testate radar remote.

Nel 1997 con la anemizzazione dei S.O.C., il Reparto è configurato quale C.R.P. e nel 2001 assume la funzione di Centro Operativo Aereo alternato.

Ulteriori sviluppi tecnologici del sistema di comando e controllo vedono nel 2003 l'introduzione del sistema M.A.S.E. (Multi Aegis Site Emulator) e successivamente le interfacce C.S.I. (CRC System Interface) e S.S.S.B. (Ship, Shore, Ship Buffer) capace di integrare le informazioni ricevute dalle unità terrestri e navali.

Nel 2010 il 22° Gruppo avvia un ulteriore ed innovativo programma di ammodernamento attraverso il sistema R.I.S.-2 capace di integrare 24 testate radar remote gestite dalla sala operativa di "BARCA" (radio NATO callsign del 22° Gruppo D.A.M.I.).

Nel 2019 la sala operativa transita al sistema di Comando e Controllo M.I.C.E. (MASE Integrated Console Environment), evoluzione del M.A.S.E., sistema utilizzato da svariati paesi dell'Alleanza Atlantica.

Il 1° Giugno 2021 il 22° Gruppo D.A.M.I. prende la sua attuale denominazione in sostituzione di quella di 22° Gruppo Radar Aeronautica Militare (Gr.R.A.M.) e mantiene le sue dipendenze gerarchiche dal Reparto D.A.M.I., co-ubicato con la neo costituita Brigata Controllo Aerospazio (B.C.A.) ed il Comando Operazioni Aerospaziali presso il sedime di Poggio Renatico (Ferrara).

MISSIONE:

Il 22° Gruppo Difesa Aerea Missilistica Integrata è un organismo costantemente deputato alla sorveglianza ed alla difesa dello Spazio Aereo Nazionale e dell'Alleanza Atlantica. Nell'assolvimento della sua funzione, è inserito sia nel sistema di Comando e Controllo nazionale (alle dipendenze del National Air and Space Operations Center di Ferrara), che in quello della NATO, dove opera come C.R.C. (Control Reporting Centre, la massima entità NATO nella gestione tattica delle operazioni aeree, operante alle dirette dipendenze del C.A.O.C., Combined Air Operation Center di Torrejon in Spagna). La posizione geografica del 22° è di vitale importanza nello scacchiere del Mediterraneo Centrale, infatti la porzione di spazio aereo NATO assegnato a BARCA, rappresenta uno dei confini meridionali dell'Area di Responsabilità dell'Alleanza Atlantica in Europa.

La sala operativa di BARCA, quindi, opera con funzioni di scoperta di qualsiasi vettore che attraversa lo spazio aereo di competenza e, nel contempo, di gestione dei velivoli intercettori eventualmente chiamati ad intervenire in caso di mancata positiva identificazione, avvalendosi di una complessa rete di sistemi d'arma locali e remoti, quali Radar EW (Early Warning), in particolare dei più moderni sistemi 3D Long Range in configurazione fissa o mobile, con capacità di contrasto a minacce T.B.M. (Tactical Ballistic Missile).

Attraverso il M.I.C.E./C.S.I., ed il suo complesso sistema di gestione dei molteplici collegamenti e differenti fonti dati, è possibile la fusione delle varie ed eterogenee informazioni ricevute, identificando con precisione e dettaglio la situazione aerea e formulando, al contempo, un ampio spettro di soluzioni e gestione degli eventuali intercettori pilotati allertati. Questo sistema consente ad una sola sala operativa di gestire simultaneamente più sensori remoti, ottimizzando tempi e risorse, ed al contempo, di raffigurare entità aeree, navali e terrestri presenti nella propria area di interesse.

Le capacità di integrare diversi sensori, di coniugarne in modo intelligente e standardizzato le informazioni tratte da tutte le diverse fonti collegate al sistema di Comando e Controllo, di comunicare con diversi interlocutori in modo sicuro, veloce ed alternato, di condurre operazioni congiunte, con assetti navali e terrestri, mediante sistemi automatizzati di scambio dati, attraverso diversi T.D.L. (Tactical Data Link) consentono al 22° Gruppo D.A.M.I. la gestione autonoma di qualunque scenario di crisi che interessi lo spazio aereo di pertinenza. 

 

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.