Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
Marcello Dudovich

Roma, Palazzo Aeronautica, 8 maggio – 11 luglio 2021

La Mostra è un evento che si colloca al centro dei festeggiamenti e delle attività di valorizzazione di “Palazzo AM” in occasione del 90° anniversario della sua realizzazione, opera architettonica straordinariamente ricca, moderna e innovativa che simboleggia l’identità e l’essenza storica di tutti gli aviatori.

L’evento culturale dedicato al pittore e cartellonista triestino rappresenta un momento di grande valore artistico per la rinnovata fruibilità dei dipinti murali realizzati dal 1931 al ’33 da Dudovich (1887 – 1962) negli ambienti del Ministero dell’Aeronautica.

Parte del ciclo di murali martoriati, nascosti e negletti per lungo tempo e che grazie alla virtuosa collaborazione degli illuminati rappresentanti della Soprintendenza Speciale Archeologica Belle Arti e Paesaggio di Roma, dei valenti restauratori e del personale dell’Aeronautica straordinariamente motivato, possono oggi risplendere nella loro luminosità e godere della fruibilità del pubblico.

Dopo 90 anni, Marcello Dudovich fa quindi ritorno in grande stile a Palazzo Aeronautica, in quello stesso luogo e in quegli ambienti che lo avevano visto pittore, artista, uomo, amico di Italo Balbo. E’ uno di quei pochi casi in cui un contenitore espositivo si inserisce perfettamente permeato in un armonioso ordine sistemico tra lo spazio, le opere esposte, la storia, gli uomini che l’hanno scritta ed il pubblico.

La mostra è un segno forte, esplicito della volontà di rinascita, nei limiti del possibile, verso la vita normale, alla riscoperta di momenti di cultura, di promozione dei nostri valori, delle nostre ricchezze, dopo un anno di lockdown, di lutti e di sofferenze che non vediamo l’ora di superare e di lasciare dietro le spalle.

Si tratta quindi di un evento eccezionale ed unico nel suo genere nel corso del quale sarà possibile apprezzare, assieme ai recuperati dipinti murali, più di 200 opere dell’artista e del suo collaboratore Walter Resentera, con documenti, foto e cimeli, provenienti da prestatori e collezioni italiane, pubbliche e private, per la prima volta riunite tutte insieme nella sede Aeronautica. Le opere murali, in particolare, che pochi hanno avuto modo di ammirare e studiare, rappresentano un inedito assoluto nel mondo dell’arte.

La scelta della mostra ha poi un duplice obiettivo: presentare il maestro e la sua arte; al contempo ricostruire la parabola e l’atmosfera di un tempo irrequieto e creativo, cruciale non solo per la storia della Forza Armata, ma fortemente significativo per le arti e la cultura di un’epoca ammaliata dalla modernità, dall’innovazione, dalla tecnologia. Un viaggio tra le “vie” di quegli anni, popolate da opere di grande rilievo artistico e culturale, di cui il Dudovich, soprattutto nei grandi manifesti pubblicitari affissi nelle piazze, nelle edicole e nelle vie delle città, porta in scena attualità, stile, donne seducenti, moderne, disinvolte, che arrivano all’immaginario collettivo per la loro eleganza persuasiva, per le loro stilizzate fluide movenze e per le forge dei loro abiti vivacemente colorati.

Palazzo Aeronautica, in occasione dei suo novantesimo compleanno, si presenta così non solo come un apprezzato ed originale complesso architettonico, realizzato da un architetto di solo 28 anni, Roberto Marino, ma anche come luogo di storia e di storie, che raccoglie ancora oggi la professionalità e la missione della Forza Armata, la sua identità e il suo glorioso passato. Un edificio suggestivo e coinvolgente in grado di suscitare emozioni non solo tra gli estimatori dell’arte e dell’architettura, ma anche in quanti vogliano osservare e comprendere la fiducia nel progresso, la cultura aeronautica e la passione per il “nostro mondo”, quello del volo e dell’aerospazio.

 

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.