Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
Skip Navigation Links Comunicazione > Notizie > Personnel Recovery: l'Aeronautica Militare partecipa all'esercitazione internazionale APROC 2022
Personnel Recovery: l'Aeronautica Militare partecipa all'esercitazione internazionale APROC 2022
17/06/2022
14° Stormo – Pratica di Mare
Serg. Magg. Alessandra Tirelli

Si è svolto ad Albacete in Spagna, dal 6 al 17 giugno, l'Air Centric Personnel Recovery Operatives Course (APROC), organizzato dall'European Personnel Recovery Centre (EPRC), Centro che si occupa della standardizzazione delle quattro fasi del recupero del personale (preparazione, pianificazione, esecuzione e adattamento) che ha sede a Poggio Renatico (Ferrara).

Quest'anno l'esercitazione internazionale ha visto la partecipazione, oltre che dell'Italia, anche della Spagna, Francia, Germania e Romania. L'Aeronautica Militare ha messo in campo personale e assetti di numerosi Reparti: 9° Stormo di Grazzanise con un elicottero HH-101, 14° Stormo di Pratica di Mare con un velivolo G-550 CAEW (Conformal Airborne Early Warning), 17° Stormo di Furbara con operatori STOS (Supporto tattico operazioni speciali), e 36° di Gioia del Colle, 37° di Trapani e 51° Stormo di Istrana con velivoli Eurofighter.

L'APROC si configura per addestrare gli equipaggi alla pianificazione e alla condotta di missioni complesse in scenari di Personnel Recovery (PR) favorendo l'integrazione tra tutte le componenti di una Task Force multinazionale con diverse tipologie di aeromobili.

Inoltre ha lo scopo di formare e qualificare gli equipaggi partecipanti nei ruoli di Rescue Mission Commander (RMC) attraverso le fasi di pianificazione, briefing e de-briefing di missioni Personnel Recovery.

La partecipazione all'esercitazione APROC 2022 rappresenta per l'Aeronautica Militare un'ottima opportunità addestrativa per mantenere elevato il livello di interoperabilità e cooperazione internazionale nella pianificazione di missioni PR complesse e consente di costruire uno standard addestrativo unico con le Forze Aeree dei Paesi partecipanti in un'ottica di eventuale futura collaborazione in scenari operativi internazionali.

Il Capo rischieramento della compagine italiana, T.Col. Giannitti si è detto soddisfatto per come il personale coinvolto, elemento chiave di ogni organizzazione, ha saputo operare con competenza e passione in questo contesto addestrativo, valorizzando e migliorando la propria professionalità.


ALTRE DALLA CATEGORIA

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.