Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
Rivista Aeronautica n. 1/2018

Quest'anno ricorre il 95° anniversario della costituzione dell'Aeronautica Militare come Forza Armata autonoma. Un anniversario importante e che prelude a un appuntamento ancor più significativo, che si avvicina a grandi passi, quello del Centenario che l'A.M raggiungerà come seconda forza aerea al mondo dopo la Royal Air Force, che lo festeggerà già quest'anno. 

Quello del 28 marzo è una ricorrenza che, al di là della pur importante e necessaria rievocazione storica, induce soprattutto a una riflessione, a cui, in più di un'occasione, il Capo di Stato Maggiore dell'Aeronautica, gen. s.a. Enzo Vecciarelli, ha esortato gli uomini e le donne in uniforme azzurra, quella di saper spiegare perché siamo al servizio del Paese. Non per uno sterile richiamo alle nostre origini, ma un passaggio fondamentale per condividere e contribuire alla trasformazione e al rinnovamento di cui ha bisogno l'Aeronautica 4.0. 

Perché, citando il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella «non possiamo vivere nella trappola di un eterno presente, quasi in una sospensione del tempo, che ignora il passato e oscura l'avvenire, così deformando il rapporto con la realtà. La democrazia vive di impegno nel presente, ma si alimenta di memoria e di visione del futuro». Parole che ci riportano all'Aeronautica che, per garantire la sicurezza, la sovranità dell'Italia, il rispetto dei nostri valori condivisi, è pronta a mettersi in discussione e a fare un salto in avanti per essere, come più volte abbiamo ricordato anche sulle pagine della Rivista Aeronautica, una «Forza Armata sempre più coesa e sempre più utile al Paese». 

I dati sull'attività 2017 parlano di un anno molto intenso che ha visto l'Aeronautica Militare impegnata nell'assolvimento dei suoi compiti, 24 ore al giorno, al servizio del cittadino. Difesa dello spazio aereo innanzitutto, ma anche ricerca e soccorso, trasporto sanitario d'urgenza, assistenza al volo e molto altro. Un contributo che gli italiani evidentemente apprezzano e di cui hanno sempre più consapevolezza. 

A dirlo l'annuale Rapporto Italia di Eurispes che conferma la crescita della fiducia dei cittadini nei confronti delle Forze Armate, con l'Aeronautica Militare che registra l'aumento più significativo. Appena pochi giorni fa l'"Arma Azzurra" si è trovata a garantire contemporaneamente la difesa dei cieli di sei nazioni europee. Un primato senza precedenti a cui si aggiunge un altro traguardo tutto italiano, quello di essere l'unico Paese della NATO ad aver assicurato il dispositivo di difesa aerea ad interim di quattro "Air Policing": Slovenia, Albania, Islanda e Repubbliche Baltiche. 

Un altro risultato di cui andare legittimamente orgogliosi come aviatori, aspettando il 28 marzo!

Stefano Cosci


 

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.