Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
Skip Navigation Links Vetrine > Le Giornate FAI d'Autunno
Le Giornate FAI d'Autunno
05/10/2018
Cap. Debora Corbi


Quando l'architetto Roberto Marino ricevette l'incarico dal Maresciallo dell'Aria Italo Balbo di progettare l'allora Ministero dell'Aeronautica a Roma, aveva solamente 29 anni. La sua esperienza professionale, presso la Scuola di Applicazione di Ingegneria romana, sino ad allora non gli aveva certo dato la fama che invece arrivò all'indomani della realizzazione dell'edificio aulico: "il Ministero che regola il più moderno mezzo di trasporto ed insieme l'arma di guerra più audace e importante nel futuro", così fu definito l'edificio da un redattore dell'epoca un anno dopo l'inaugurazione (dall'archivio della "Casa dell'Architettura, istituto di cultura urbana").

Italo Balbo seguì personalmente la progettazione, tanto da guadagnarsi l'appellativo di "pizzo di ferro"; fu proprio lui ad intervenire, con idee originali nelle diverse fasi dei lavori. Egli richiese di realizzare gli spazi di lavoro privi di muri divisori, delimitati solo da tramezzi in legno e vetrate, un modernissimo open space di quelli che oggi si trovano abitualmente negli uffici ma che, per l'epoca, erano davvero innovativi. Per questa particolare realizzazione aveva preso spunto dalle strutture degli uffici americani che lui stesso aveva avuto modo di visitare.



I lavori per la realizzazione dell'edificio iniziarono il 2 agosto 1929 e terminarono in soli 26 mesi. Il complesso monumentale, ma allo stesso tempo classico sia per proporzioni che per ritmi, fu inaugurato il 28 ottobre 1931. 

Il Palazzo dell’Aeronautica, oggi sede istituzionale dell’Aeronautica Militare, si caratterizza per le sue linee marcate, larghe e sicure a sottolineare, nell’intento dell’epoca, le caratteristiche di una Roma moderna. L'ingresso di viale Pretoriano, denominato dei "Tre Archi" per il colonnato centrale che adorna la facciata principale, rappresenta il monumento ai caduti dell'Aeronautica Militare.



L'Aeronautica Militare, da sempre sensibile alla divulgazione ed alla tutela del patrimonio storico, artistico e architettonico, ha aderito all'iniziativa del FAI per le "Giornate d'Autunno" 2018 per consentire ad appassionati e curiosi di ammirare il palazzo, custode di opere architettoniche e pittoriche del razionalismo italiano.

Nella stessa occasione l’Aeronautica Militare aprirà le porte del Palazzo anche per le "Giornate della Trasparenza".

Le Giornate FAI sono appuntamenti imperdibili, organizzati in due periodi dell'anno – primavera e autunno – e che hanno la finalità di rafforzare il legame tra gli italiani e la loro identità.

L'appuntamento, quindi, è fissato per il 13 e 14 ottobre dalle ore 10.00 alle ore 18.00. L'accesso dei visitatori sarà libero e potrà avvenire dall'ingresso di viale dell'Università. Il pubblico potrà assistere ad un'illustrazione accurata, tenuta da personale dell'Aeronautica Militare affiancato dal personale volontario del FAI, delle aree storiche che saranno visitabili per l'occasione.

I visitatori avranno la possibilità di scoprire gli spazi che per quotidiana funzione non sono normalmente aperti alla libera fruizione pubblica. La visita di Palazzo Aeronautica darà modo di ammirare il Piazzale Italo Balbo, lo Scalone d'onore, le Sale Nobili, la Fontana degli Eroi ed il Paternoster, l'ascensore storico a cabine aperte.

Il Paternoster, uno dei quattro ascensori veloci a cabine aperte che, susseguendosi una dopo l'altra in salita ed in discesa senza fermarsi mai, costituivano una sorta di scala mobile verticale, sarà visibile nei due giorni di apertura.



La Sala Madonna di Loreto era, all’epoca dell’inaugurazione di Palazzo Aeronautica, riservata allo staff personale di Italo Balbo ed a sala riunioni. E’ oggi il luogo di celebrazioni di eventi cerimoniali di più rilevante importanza per la Forza Armata. Nelle vetrine sono esposti reperti aeronautici di particolare interesse, provenienti dal Museo Storico dell’Aeronautica Militare di Vigna di Valle (Roma).

 


Gli elementi decorativi della struttura architettonica assicurano semplicità ed eleganza agli ambienti e sono visibili, ad esempio, nelle maniglie dei portali rappresentate da un profilo alare stilizzato e dal motivo del "Bastone del Comando", allora segno distintivo degli ufficiali piloti. Tale elemento decorativo è stato riproposto, come abbellimento, anche sulle ringhiere metalliche dello Scalone d'Onore, sulle porte a vetri della Sala degli Eroi e della Sala delle Nuvole e riportato, addirittura, nelle imponenti coperture dei caloriferi installati presso le Sale d'Onore.

La Sala Italia, la Sala delle Carte Geografiche e le Sale delle Crociere Atlantiche sono sapientemente istoriate con pitture murali di carattere geografico, astronomico e storico. Le Sale delle Crociere Atlantiche, in particolare, rappresentano le due imprese aviatorie guidate dallo stesso Italo Balbo nel 1930 e nel 1933 e che raggiunsero, rispettivamente, il Brasile e gli Stati Uniti d'America.


Il FAI – Fondo Ambiente italiano – da oltre quarant'anni si impegna per promuovere una cultura di rispetto dell'arte, della natura, della storia e delle tradizioni del nostro Paese, nella convinzione che conoscere sia il primo passo per imparare ad apprezzare, e dunque difendere, un patrimonio che è parte delle nostre radici e della nostra identità. Per un approfondimento su attività ed iniziative del FAI: https://www.fondoambiente.it/il-fai/grandi-campagne/giornate-fai-autunno/

Per maggiori informazioni sull'evento vi invitiamo a contattare l'Ufficio Relazioni con il Pubblico al numero 06/49866626.


ALTRE DALLA CATEGORIA

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.