Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
Skip Navigation Links Vetrine > 70° Stormo dove i piloti spiccano il volo
70° Stormo dove i piloti spiccano il volo
21/10/2016
Ufficio Generale del Capo di SMA

​​​​​Il 70° Stormo, intitolato al Generale Graziani, è una delle scuole di volo dell'Aeronautica Militare, che ha sede a Latina all'Aeroporto Comani ed è alle dipendenze del Comando Scuole/3a Regione Aerea di Bari.

Lo Stormo, al pari delle altre scuole di volo dell'Aeronautica Militare, ha subito negli ultimi due anni un marcato processo di crescita ed ammodernamento per fornire un'offerta addestrativa di assoluta qualità e competenza, tale da rappresentare un punto di riferimento nella formazione al volo militare, anche nel contesto internazionale.  

Infatti già alcune nazioni straniere, tra le quali Olanda e Kuwait, ravvisando le effettive potenzialità che la scuola di volo di Latina può offrire grazie ai suoi moderni programmi istruzionali, hanno scelto il Reparto dell'Aeronautica Militare per la formazione dei propri piloti.  

Al 70° Stormo, nel primo semestre del 2016, sono stati brevettati otto piloti dell'Esercito Italiano, dieci della Forza Aerea del Kuwait, e due della Royal Netherland Air Force.

Attualmente sono presenti presso la scuola di volo frequentatori stranieri provenienti dalla Tunisia e dal Perù, candidati del primo corso accademico "Urano V" dell'Accademia Aeronautica che stanno effettuando la selezione al volo ed il conseguimento del brevetto di pilota d'aeroplano ed altri allievi del corso "Nibbio V"  che sono a Latina per svolgere un addestramento propedeutico al conseguimento del brevetto di pilota militare su velivoli convenzionali. I frequentatori italiani e stranieri che si sono formati a Latina solo nel 2016, sono stati oltre duecento.

​  

 

Le attività del 70° Stormo: 

  • Selezione al volo in fase concorsuale:

Durante la fase concorsuale per l'ammissione nel ruolo naviganti, la scuola provvede all'accertamento dell'attitudine al volo ed il conseguimento del Brevetto di Pilota di Aeroplano (B.P.A.) sul velivolo Aermacchi T.260B: tappe obbligatorie per ogni candidato del ruolo naviganti e per il successivo superamento del concorso in Aeronautica Militare.

Già dalle primissime fasi, l'allievo pilota viene sottoposto ad un programma addestrativo al volo "syllabus" che, a partire da quest'anno, viene svolto interamente in lingua inglese e che prevede una fase teorica "ground school" ed una fase pratica "flying training" dalla durata complessiva di circa tre mesi. I giovani frequentatori, nella fase di studio a "terra", in circa tre settimane, apprendono e assimilano le nozioni delle materie di base quali impiantistica del velivolo, meteorologia, controllo del traffico aereo, medicina aeronautica, fraseologia radio in lingua inglese e procedure di volo. Successivamente, superati gli esami teorici, gli allievi passano alla parte pratica: l'addestramento in volo, diviso in tre distinti moduli ciascuno da superare per poter continuare l'attività di addestramento al volo. E' previsto inoltre un esame intermedio ed uno finale, per terminare poi con la prova decisiva, il volo da solista.

I candidati che concorrono per il ruolo naviganti, arrivano al 70° Stormo dopo aver affrontato e superato il tirocinio pisco-attitudinale svolto presso l'Accademia Aeronautica nella penultima fase del concorso.  Presso la scuola di volo di Latina i giovani affrontano l'ultima prova concorsuale che, dopo il superamento del corso di pilotaggio, gli permetterà di fregiarsi dell'aquila di pilota di aeroplano, una prima importante tappa che aprirà loro la strada in Aeronautica Militare. Solo in una seconda fase, questa volta da allievi, i piloti affronteranno l'impegnativo iter addestrativo per il conseguimento del Brevetto di Pilota Militare e della Laurea Magistrale in Accademia Aeronautica (per i soli ufficiali del Ruolo Naviganti Normale). 

  • Addestramento al volo: 

I corsi per il conseguimento del Brevetto di Pilota Militare (B.P.M.)  prevedono diverse fasi addestrative ed iter differenziati a seconda delle linee volo alle quali i piloti saranno destinati.

          B.P.M. Fase 1:

L'addestramento istruzionale BPM 1 (1^ fase) prevede 2 fasi addestrative distinte, denominate rispettivamente: BPM 1 A e B viene svolto a Latina.

Questa tipologia di addestramento è il frutto dell'esperienza acquisita attraverso i vari corsi svolti sul velivolo addestratore T.260B e dalle esperienze istruzionali maturate dalla Forza Armata, sia in ambito nazionale che internazionale.

La prima fase addestrativa ha lo scopo di fornire una preparazione teorica a terra dai contenuti mirati ad accrescere ed a facilitare l'addestramento nelle diverse forme di volo. Nella fase BPM1 A vengono consolidati gli elementi fondamentali del volo a vista relativamente alle manovre già introdotte nella precedente fase BPA e conseguire una adeguata padronanza del velivolo in particolare nello sviluppo delle manovre acrobatiche e di coordinazione e nella gestione delle emergenze simulate (Fase B1A). Conseguire le capacità propedeutiche alle navigazioni VFR (visual flight rules) ed una adeguata padronanza del velivolo nella gestione delle emergenze simulate (Fase B1B).

Tale fase addestrativa è svolta con il velivolo T.260B.

Al termine della 1ª fase, tutti i piloti vengono inviati presso le scuole di volo nazionali ed internazionali per svolgere la seconda fase ( B.P.M. Fase 2). 

Successivamente frequenteranno iter addestrativi nelle diverse scuole di volo dell'Aeronautica Militare, iter che saranno differenziati a seconda della linea volo (aviogetto, elicotteri, plurimotore) alla quale i piloti verranno assegnati ( 61° Stormo, 72° Stormo, CAE Multicrew, o presso le scuole di volo estere).

I piloti della linea volo plurimotori torneranno poi al 70° Stormo per frequentare un ulteriore corso di addestramento al volo (BPM Fase 3 A) per il conseguimento del brevetto di pilota militare e velivoli convenzionali sul Tecnam T.2006A, attività formativa propedeutica all'addestramento finale sul velivolo plurimotore Piaggio P.180A ( corso che sarà successivamente svolto al CAE Multicrew di Pratica di Mare).

Il 70° Stormo ha inoltre la gestione del corso Istruttori di Volo per gli Ufficiali Piloti Militari assegnati allo Stormo e di quello per l'abilitazione ed il mantenimento delle qualifiche sui velivoli in dotazione allo Stormo.

​Velivoli in dotazione:

Aermacchi T.260B e Tecnam T.2006A​​

Simulatori di volo:

Aermacchi T.260B; Tecnam T.2006A

ALTRE DALLA CATEGORIA

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.