Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
Skip Navigation Links Vetrine > Il 3° Stormo e la logistica di proiezione
Il 3° Stormo e la logistica di proiezione
01/12/2016
Ufficio Generale del Capo di SMA

​Il Reparto nasce il 1° giugno 1931 a Bresso (Milano) come 3° Stormo da Caccia e, dopo vari rischieramenti, il 1° luglio 1954 viene trasferito sull'Aeroporto di Villafranca di Verona, dove risiede tuttora. L'origine del simbolo araldico dei "4 Gatti" risale ad un primo stemma della 278^ Squadriglia Autonoma Aerosiluranti (quattro gatti, due bianchi e due neri sopra un siluro con la scritta "pauci sed semper immites", "pochi ma sempre aggressivi").

 

Dal 4 settembre 2014, il 3° Stormo dipende dal Capo del Servizio dei Supporti del Comando Logistico ed è espressione delle capacità logistiche di Proiezione d'eccellenza ("Expeditionary & Deployable"), al fine di garantire l'interoperabilità e la prontezza d'impiego delle componenti della "Air Expeditionary Task Force (A.E.T.F.)". Nello specifico, per assolvere alla sua missione di Stormo di proiezione, il 3° Stormo funge da "facilitatore strategico iniziale" delle capacità di "Combat Service Support (C.S.S.)" di Forza Armata, capace di rischierarsi in tempi rapidi nei vari Teatri Operativi per l'approntamento iniziale, la gestione ed il supporto delle strutture logistiche e operative di una qualsiasi area di rischieramento. Ciò significa essere in grado di proiettare Supporto Operativo e Supporto Logistico Generale in Italia come all'estero, sia nelle primissime fasi del rischieramento (in cui è prioritario l'impegno a garantire la sopravvivenza degli uomini impegnati), sia nella fase di approntamento e consolidamento dei supporti. Essendo lo Stormo unico nel suo genere nell'ambito dell'Aeronautica Militare, le sue articolazioni interne si basano prevalentemente su di un dispositivo di natura campale, composto da  una serie di capacità logistiche, tra loro interconnesse, che la nostra Nazione è chiamata a garantire e sostenere in quanto Paese NATO/UE.

 

Sebbene il core dello Stormo sia rappresentato dalle sue unità logistiche di proiezione, nell'ambito delle numerose e diversificate capacità espresse particolare attenzione è rivolta anche al settore dell'addestramento del personale. È infatti presso il locale "Gruppo Addestramento Operativo (GAO)" dello Stormo che si svolge l'addestramento di tutto il personale A.M. da impiegare sia sul territorio nazionale che in operazioni estere, attraverso la "familiarizzazione" con ambienti, mezzi e procedure in uso presso le zone di operazione. Nell'anno 2016 sono stati circa 1500 i frequentatori qualificati presso lo Stormo, di cui circa 1100 unità di Forza Armata abilitate per successivo impiego fuori area. Nel corso dell'anno, il 3° Stormo ha altresì impiegato oltre 15 squadre specialistiche nella molteplicità di teatri operativi nazionali ed esteri, per un totale di circa 150 unità, oltre ad aver partecipato a numerose esercitazioni nazionali ed internazionali, in ambiente interforze e multinazionale. Tra le operazioni fuori area più recenti, l'invio in Libia di una squadra di specialisti per l'installazione e l'attivazione dell'assetto sanitario ROLE 1 e di un minimale supporto logistico presso l'aeroporto di Misurata, necessario per assicurare triage, pronto soccorso, stabilizzazione e posti letto.

A supporto delle popolazioni colpite dal recente sisma

Numerose sono state anche le operazioni nazionali svolte dallo Stormo, in particolare quelle in supporto alla popolazione civile, ultima in ordine di tempo, l'attivazione in occasione degli eventi sismici in Italia centrale nei comuni di Amatrice, Accumoli, Rieti e Norcia a partire dal 24 agosto 2016. A poche ore dal terribile sisma, il 3° Stormo ha infatti inviato sul posto un apposito Team di supporto, allestendo in poche ore sul luogo una torre di controllo mobile, per assicurare in brevissimo tempo i servizi minimi di assistenza al volo. In aggiunta, è stato inviato sul posto anche un team avanzato di primo intervento, per garantire capacità di rifornimento di aviocarburante, un sistema antincendio, stazione meteo e tutto il supporto logistico necessario. Nell'arco della sola prima settimana di emergenza sono stati così gestiti un totale di circa 400 transiti e sono stati erogati oltre 4250 litri di carburante avio. Successivamente è stata poi realizzata una "Zona Atterraggio Elicotteri (ZAE)" su Accumoli ed attivata la capacità di illuminazione campale piste e raccordi sull'aeroporto di Rieti. Infine, anche sul sito Norcia tutto il personale presente ed impiegato per l'emergenza fruisce del supporto logistico, ancorché minimale, assicurato dal 3° Stormo che, dal nascere dell'esigenza fino ad oggi, ha fornito assistenza agli oltre 900 transiti di velivoli su Amatrice ed oltre 200 transiti su Norcia, per un totale di circa 16650 litri di carburante avio erogato presso il sito di Amatrice, a supporto dei velivoli dell'Aeronautica Militare ma anche delle altre Forze Armate e di tutti gli attori impegnati sull'area (Guardia di Finanza, Polizia di Stato, Guardia Costiera, Vigili del Fuoco, Corpo Forestale, Protezione Civile, Croce Rossa).

Dual-use

Le attività svolte dal 3° Stormo fanno emergere il carattere "duale" dell'impegno che gli uomini e le donne del Reparto svolgono sia per scopi militari che per quelli civili, utili alla collettività nazionale, mediante il ricorso a tecnologie e mezzi impiegabili. 

ALTRE DALLA CATEGORIA

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.