Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
Skip Navigation Links Vetrine > Il Centro cartografico aeronautico
Il Centro cartografico aeronautico
09/03/2017
Ufficio Generale del Capo di SMA

Sin dalla sua costituzione l'Aeronautica Militare, per assolvere alla propria missione, ha avuto la necessità di conoscere l'ambiente in cui opera.

Nel 1941 nasceva in seno allo Stato Maggiore Aeronautica la Sezione Fotocartografica ma solo a metà degli anni '70, ci si rese effettivamente conto che, per soddisfare le sempre più pressanti esigenze legate all'impiego di moderni velivoli, era necessario creare un Ente totalmente dedicato al settore della cartografia aeronautica; nasceva così nel 1976, sull'Aeroporto di Pratica di Mare, il Centro Informazioni Geotopografiche Aeronautiche (CIGA).

Dal 2000 il Centro ha acquisito il rango di Organo Cartografico dello Stato per l'elaborazione di prodotti cartografici a carattere aeronautico per esigenze militari e civili. Successivamente, nel corso degli anni, sono state acquisite dal Centro altre capacità operative; in particolare, a seguito della riorganizzazione della Forza Armata del 2006, sono confluiti nel CIGA il Servizio Spazi Aerei e Procedure di Volo ed il Servizio Informazioni Aeronautiche.

Le crescenti esigenze degli attuali scenari operativi esigono la disponibilità di informazioni geospaziali e capacità ISR (Intelligence Surveillance and Reconnaissance) sempre più tempestive, rilevanti ed accurate. Le informazioni geospaziali sono divenute essenziali per i processi di pianificazione, valutazione e condotta delle operazioni, fin dal loro stato embrionale, fornendo una descrizione il più possibile dettagliata dell'ambiente in cui le Forze Armate, ed in particolare quelle aeree, sono chiamate ad operare.

Da ciò è scaturita la costituzione, all'interno del Centro, del Gruppo Analisi Immagini Operative, con compiti di analisi operativa e gestione delle immagini acquisite dai sensori in dotazione all'Aeronautica Militare.

La missione affidata oggi al Centro Informazioni Geotopografiche Aeronautiche è quella di assicurare il supporto alle operazioni aeree attraverso la produzione, l'elaborazione e la disseminazione delle informazioni geotopografiche aeronautiche e dei dati immagine provenienti dai sensori di ricognizione, sorveglianza della Forza Armata.

Il CIGA è chiamato a soddisfare le esigenze operative, addestrative ed informative dei vari utenti militari e governativi fornendo anche l'adeguato supporto all'Aviazione Civile operante negli spazi aerei di competenza dell'Aeronautica Militare.

La formazione specialistica avanzata ed il costante addestramento del personale costituiscono gli elementi chiave per il raggiungimento degli obbiettivi del CIGA. A ciò si affianca una costante ottimizzazione dell'impiego delle risorse messe a disposizione del Centro, con il fine ultimo di essere un Reparto di eccellenza, pienamente integrato nei dispositivi di difesa nazionale ed internazionale, che operi per supportare efficacemente le attività aeree congiunte e combinate dei propri utenti sia in Patria che nei teatri fuori area, allo scopo di migliorarne costantemente le capacità operative.

Negli ultimi anni il Centro è stato sempre più coinvolto nelle operazioni al di fuori dei confini nazionali. In particolare, per l'Operazione ISAF, il CIGA ha offerto il suo supporto alle operazioni producendo cartografia alla scala 1:500.000 sull'area di competenza italiana in sostituzione di carte prodotte in passato da altri Paesi, ormai obsolete. Molto recentemente ha contribuito al miglioramento delle attività di gestione dell'aeroporto militare e civile di Herat (Afghanistan) analizzando e mettendo a punto le procedure strumentali di volo, con i relativi studi aeronautici e gli elaborati grafici, poiché quelli esistenti non erano più conformi agli standard di sicurezza internazionali dettati dall'Organizzazione internazionale dell'aviazione civile (in inglese International Civil Aviation Organization, ICAO).  

Per gli aspetti connessi alla produzione e disseminazione delle Informazioni Aeronautiche il Centro provvede a fornire ed aggiornare le pubblicazioni e la cartografia per il caricamento su tutti i terminali impiegati in fase di pianificazione dagli equipaggi di volo ed all'alimentazione dell'Electronic Flight Bag, un dispositivo elettronico portatile di gestione delle informazioni che consente la gestione del volo in modo più semplice e più efficace con meno supporti cartacei. Si tratta di una piattaforma destinata a ridurre, o sostituire, materiale cartaceo spesso nel bagaglio a mano del pilota, compreso il manuale operativo e le carte nautiche.

Continuando ad occupare un ruolo altamente specialistico ed operativo in Aeronautica Militare, il Centro è oggi una risorsa preziosa a disposizione del Paese, fornisce supporto specialistico alle Forze dell'Ordine ed al Corpo Forestale dello Stato per gli aspetti di tutela ambientale e del territorio ed alla protezione Civile nei casi di disastri ambientali come alluvioni, terremoti ed eruzioni vulcaniche. In tali eventi Il Centro è in grado di fornire il supporto richiesto nel rispetto delle stringenti tempistiche, tipiche delle emergenze, attraverso la pianificazione di voli fotogrammetrici o l'utilizzo di immagini satellitari da cui estrapolare ed elaborare prodotti cartografici digitali ed analogici delle aree d'interesse. Esempi di tale capacità sono stati: nel 2003 le valutazioni degli effetti delle eruzioni di Stromboli, nel 2005 l'analisi tempestiva delle aree di esondazione del Tevere e nel 2009 per il terremoto dell'Aquila la pianificazione e lo sviluppo di una copertura aerofotografica delle aree coinvolte dal sisma.

Ultimo esempio di tali capacità è la partecipazione all'Operazione Sabina – Concorso delle Forze Armate per Terremoto Lazio, Marche, Umbria e Abruzzo, svoltasi tra settembre e novembre 2016, in cui il Centro ha contribuito alla creazione ed al mantenimento di un Servizio Informazioni Volo Aeroportuale presso Amatrice per la gestione del traffico aereo connesso con le attività di soccorso alla popolazione.

Infine, per gli aspetti riguardanti lo sviluppo tecnico-scientifico e tecnico-operativo nei settori di competenza, il Centro collabora anche con le Università ed organi di ricerca, mettendo a disposizione il bagaglio di conoscenze del proprio personale.

Ciò, ad esempio, è avvenuto nel 2013, quando la cattedra di Paletnologia dell'Università degli Studi "Roma Tre" ha chiesto la collaborazione all'Aeronautica Militare per poter inquadrare topograficamente l'area del sito archeologico "Casale Rotondo" presso l'Appia Antica, al fine di rilevare le quote delle stratificazioni del terreno all'interno degli scavi. A tal fine, nel settembre 2013, una cellula di topografi del CIGA ha eseguito una campagna di rilievi plano-altimetrici nell'area degli scavi relativi ad un insediamento umano databile a circa 32 mila anni fa. I rilievi sono stati effettuati con tecniche di topografia tradizionale e satellitare mediante il posizionamento di 6 ricevitori GPS nella zona d'interesse. I dati raccolti sono stati successivamente elaborati nelle stazioni cartografiche presenti al CIGA, per realizzare un modello grafico "3D" dell'area con dettaglio altimetrico a 50 cm. Tale attività, oltre a fornire dei dati di dettaglio del sito archeologico, ha costituito un momento di crescita professionale per gli studenti impiegati negli scavi che hanno potuto apprendere le nozioni basiche relative ai rilievi topografici di precisione.

 

Per richiedere o acquistare la cartografia o le pubblicazioni aeronautiche, è possibile trovare le informazioni utili al seguente link: http://www.aeronautica.difesa.it/comunicazione/CIGA/Pagine/default.aspx all'interno del quale è consultabile il catalogo dei prodotti ed il listino prezzi, i moduli di richiesta del materiale e tutti i riferimenti a cui inviarla.

ALTRE DALLA CATEGORIA

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.