Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
Skip Navigation Links Vetrine > 94°ANNIVERSARIO
94°ANNIVERSARIO
28/03/2017
Ufficio Generale del Capo di SMA

​​​​​​Il 28 marzo 1923, con il Regio Decreto n° 645, nasceva la Regia Aeronautica. 94 anni caratterizzati da grandi imprese aviatorie e dall'impegno quotidiano di uomini e donne che, con il loro contributo, hanno tessuto giorno dopo giorno la storia e l'identità della nostra Forza Armata.

Oggi sono i tempi di un'Aeronautica 4.0" che, riprendendo il concetto di "Industria 4.0", testimonia la piena entrata nella "quarta rivoluzione industriale", fatta di automazione, tecnologia smart, realtà virtuale, cyber-sistemi modulari, flessibili e pienamente interoperabili. 

Mezzi sofisticati e tecnologie all'avanguardia intorno alle quali ruota e si evolve senza sosta una struttura complessa, sempre più moderna e coesa, al servizio del Paese in strettissima collaborazione con le altre agenzie dello Stato, con un personale caratterizzato da profonda motivazione e elevata professionalità.

Una delle quattro Forze Armate dello Stato, insieme con Esercito, Marina e Carabinieri, l'Aeronautica Militare costituisce lo strumento di difesa del Paese, garantendo quella cornice di sicurezza, in Italia e all'estero, indispensabile al tranquillo svolgimento della vita di tutti i giorni e il rispetto di quei principi di libertà, democrazia, salvaguardia assoluta della dignità dell'individuo, che sono i fondamentali connotati della nostra identità nazionale.

Compito principale dell'Aeronautica Militare è quello di difendere lo spazio aereo italiano da qualunque violazione, prevenendo e neutralizzando gli eventuali pericoli provenienti dal cielo, ma anche di offrire il supporto alle missioni di pace fuori dai confini nazionali, alle missioni umanitarie, nonché di provvedere al soccorso aereo.

I compiti, l'organizzazione, il personale e i mezzi dell'Aeronautica Militare di oggi, sono il frutto dell'evoluzione di uno strumento nazionale di difesa che si è adeguato ai tempi, che ha seguito passo dopo passo l'incedere del nostro Paese che dal dopoguerra ad oggi si è conquistato un posto di rilievo nel consesso delle nazioni più sviluppate e progredite del mondo.

La Bandiera di Guerra dell'Aeronautica Militare

La Bandiera di Guerra fu consegnata all'allora Regia Aeronautica il 4 novembre 1923, pochi mesi dopo la sua costituzione come forza armata autonoma, nel corso di una cerimonia svolta presso l'aeroporto di Roma-Centocelle, in occasione del quinto anniversario della vittoria della I Guerra Mondiale.

Quella Bandiera, che ereditava le tradizioni e le decorazioni concesse in uso all'arma aeronautica del Regio Esercito ed alla forza aerea della Regia Marina con il Regio Decreto n. 1485 del 17 Ottobre del 1920, fu consegnata nelle mani del Generale Pier Ruggero Piccio, Comandante Generale dell'Aeronautica.

A causa dell'usura, il drappo è stato più volte sostituito nel corso degli anni. La prima volta 1937, poi nel 1947, in seguito al referendum del 2 giugno 1946, quando fu consegnata alla Forza Armata la nuova bandiera "repubblicana", priva cioè dello scudo sabaudo. La terza volta il drappo è stato rinnovato nel 1958 e, la quarta ed ultima, nel 2011. La Bandiera del 1937, che aveva accompagnato la Regia Aeronautica durante tutto il secondo conflitto mondiale, è attualmente conservata presso il Sacrario delle Bandiere del Vittoriano a Roma.

La Bandiera di Guerra è custodita presso il Palazzo dell'Aeronautica Militare all'interno dell'Ufficio del Capo di Stato Maggiore dell'Aeronautica – Sala delle Costellazioni – e viene utilizzata in occasione di solenni cerimonie militari e civili durante le quali è parte integrante dello schieramento. Ogni movimento della Bandiera, di uscita o rientro dai ranghi, è preceduto dai segnali d'onore (tre squilli di attenti e saluto alla Bandiera) ed è accompagnata dalle note dell'Inno Nazionale.

Essa rappresenta la "continuità" di quei valori che si identificano con la storia dell'Istituzione Aeronautica nel perpetrare e trasmettere, a coloro che verranno dopo di noi, i valori per i quali i nostri predecessori hanno combattuto e testimoniati dalle "decorazioni" che ornano la Bandiera dell'Aeronautica Militare. ​

ALTRE DALLA CATEGORIA

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.