Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
FIAT G-55

​Velivolo monoposto da caccia prodotto dagli stabilimenti Fiat a partire dal 1942. I pochi velivoli di serie usciti dagli stabilimenti di Torino, prima che questi venissero quasi totalmente distrutti dai bombardamenti alleati, furono utilizzati dai Reparti della Regia Aeronautica per poi passare, dopo l'8 Settembre 1943, all'Aeronautica Nazionale Repubblicana (ANR). La produzione di serie riprese dopo la guerra su commesse richieste dalle Forze Aeree di Siria, Egitto ed Argentina. Sulla base del progetto di questo velivolo nel 1950 la Fiat sviluppò il velivolo G.59 che, pur adottando diversa motorizzazione (motore Merlin 500 al posto del DB 605) ed elica (Hamilton quadripala in luogo della Piaggio 2.001), ne mantenne pressoché inalterate le dimensioni, la struttura e l'aerodinamica.

​Nessun esemplare originale di Fiat G.55 è sopravvissuto alle vicende belliche. La ricostruzione del velivolo esposto è stata possibile attraverso il restauro e la trasformazione di un relitto G.59 2A IV Serie (MM 53265-NC 74) di proprietà dell'Aeronautica Militare. La colorazione e le insegne riproducono un Fiat G.55 della A.N.R. appartenente alla Squadriglia “Montefusco-Bonet”. Alla realizzazione del progetto, avviata negli anni '80, hanno contribuito: 10° Reparto Manutenzione Velivoli di Lecce, Alenia Aerospazio Divisione Aeronautica, Gruppo Amici Velivoli Storici di Torino, Revelli Metallik e Ministero dell'Università e della Ricerca Scientifica.

Per la scheda del velivolo, clicca qui.

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.