Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
Caproni Ca-36
Caproni Ca-36

​Questo trimotore da bombardamento, dalle eccezionali dimensioni per l'epoca di costruzione, deriva direttamente dal Ca.1 progettato dall'ing. Caproni nel 1913 e che volò per la prima volta nel 1914. Il Ca.1, equipaggiato con tre motori Fiat A10 da 100 CV, fu impiegato con grande efficacia nei primi due anni della prima guerra mondiale, tanto che le autorità militari italiane chiesero di migliorarne le prestazioni aumentandone ancor più la potenza installata (una serie limitata, denominata Ca.2, era già stata prodotta con potenza superiore, 350 CV, utilizzando come motore centrale un Isotta Fraschini da 150 CV). Il nuovo velivolo Ca.3 o Ca.33, equipaggiato con tre motori Isotta Fraschini da 150 CV, fu ordinato in 270 esemplari, tutti consegnati entro il 1917. Al Ca.3 sono legate molte intrepide imprese di bombardamento della prima guerra mondiale, basti ricordare le incursioni su Assling e Chapavano o il bombardamento della base marittima del Cattaro sostenuta da Gabriele D'Annunzio. Il Ca.3, prodotto su licenza anche in U.S.A., fu il velivolo da bombardamento più apprezzato dai piloti americani, tra i quali Fiorello La Guardia.

L'esemplare esposto al Museo Storico A.M. é quello appartenuto al Ten. Pil. Casimiro Buttini, medaglia d'oro al Valor Militare per un'impresa compiuta proprio con questo tipo di velivolo. Acquistato da Buttini per 30.000 lire al termine del servizio in Aeronautica e messo in una cascina della campagna piemontese, fu comprato dall'Aeronautica Militare nel 1959.

Per la scheda del velivolo, clicca qui.

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.