Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
Skip Navigation Links Storia > Museo Storico > CRDA CANT Z-506
CRDA CANT Z-506
CANT Z-506

​Nato da un progetto dell'ing. Zappata del 1935, il primo prototipo di questo idrovolante volò nell'agosto del 1936, pilotato dal collaudatore Mario Stoppani, conquistando subito otto primati mondiali di velocità e due di altitudine per idrovolanti. La prima serie di macchine, destinate tutte al trasporto civile, erano equipaggiate con motori americani Wright Cyclone e furono utilizzate dalla Compagnia Ala Littoria sulle tratte a lunga percorrenza. Nel 1937 viene presentata una versione militare per il bombardamento denominata CANT. Z.506B, con propulsore Alfa Romeo 126 RC-34, che si dimostra subito velivolo di eccellenti qualità. L'ing. Zappata apporta varie e sostanziali modifiche, affinando le linee del velivolo e ridisegnandone la fusoliera (i posti di pilotaggio da affiancati diventano in tandem), tanto che pur disponendo della stessa potenza di motori e risultando nel complesso di maggior peso il CANT. Z.506B è decisamente più veloce del suo predecessore civile. Da rilevare i tre importanti primati conquistati dal 506B (sostituito il motore 126 col 127) nel novembre del '37: record di altitudine con 5.000 Kg di carico (7.410 m); di altitudine con 2.000 Kg di carico (8.951 m) e con 1.000 Kg di carico (10.388 m). Nel dicembre dello stesso anno, con motore Alfa 126 RC-34 e con speciali serbatoi da 10.000 litri, effettua il volo CADICE-CARAVELLAS (Brasile) alla media di 265 Km/h. Dalla metà del 1938 i CANT.Z.506B cominciano a giungere ai Reparti della Regia Aeronautica.

​Costruiti dal 1937 al 1943 in 324 esemplari vengono impiegati nel bombardamento marittimo e successivamente nella ricognizione marittima e nel soccorso aereo. Quest'ultima attività fu poi proseguita al termine della seconda guerra mondiale con i pochi velivoli rimasti, trasformati da 506B a 506S ed assegnati all'84° Gruppo di Vigna di Valle, sino a tutto il 1960.

L'esemplare esposto, costruito nei primi anni di guerra, é l'ultimo rimasto di questi velivoli.

Per la scheda del velivolo, clicca qui.

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.