Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
Skip Navigation Links Storia > Museo Storico > Agusta-Bell AB.47G-2
Agusta-Bell AB.47G-2
Agusta-Bell AB.47G-2

​Agli inizi degli anni cinquanta l’elicottero statunitense Bell Model 47, prima macchina ad ala rotante al mondo impiegata operativamente su vasta scala, iniziò ad essere costruito su licenza in Italia dalla società Agusta che, fino ad allora, era stata coinvolta prevalentemente nella produzione di motociclette. L’AB.47 G iniziò i collaudi in volo il 22 maggio 1954. Pur con una diversa motorizzazione del Model 47 (primo volo l’8 dicembre 1945), l’AB.47 G riproponeva comunque la caratteristica configurazione con la bolla di plexiglass anteriore e la fusoliera a traliccio con tubi metallici a vista. La variante più diffusa fu l’AB.47 G2 al quale seguì l’AB.47 G3 “Super Alpino”, espressamente sviluppato dall’Agusta per l’impiego in alta montagna. A partire dalla primavera 1955 gli AB.47 G2 iniziarono ad equipaggiare anche il Centro Elicotteri dell’Aeronautica Militare che già operava con tre Bell Model 47D-1, impiegati fin dal 1949 per la campagna antimalarica in Sardegna. Macchine molto formative e quindi particolarmente adatte all’addestramento, gli AB.47 G2 furono utilizzati a questo scopo, oltre che dal Centro Elicotteri, dal 31° Stormo e, soprattutto, dalla Scuola Volo Elicotteri (SVE) di Frosinone che con essi ha formato intere generazioni di piloti militari di elicotteri appartenenti sia all’Aeronautica che ad altre Forze Armate e Corpi armati dello Stato. Gli ultimi AB.47 G2 operativi con la SVE - che dal 1985 assunse la nuova denominazione di 72° Stormo - sono stati progressivamente sostituiti con i Breda Nardi Hughes NH-500E e quindi radiati agli inizi degli anni novanta. L’esemplare esposto (MM80113, n/c 116) è un AB.47 G2 della Scuola Volo Elicotteri.

​Per la scheda dell'elicottero, clicca qui.

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.