Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
Skip Navigation Links Storia > 1919 - 1936 > Primati e successi
Primati e successi
Norge
1919 - 1935
< Torna al periodo

Diversi sono i successi che illuminano i primi dieci anni della Regia Aeronautica.

Il 14 febbraio del 1920 Arturo Ferrarin, a bordo del suo Ansaldo SVA 9, inizia il raid Roma-Tokyo, che si conclude nella capitale giapponese il 31 maggio dello stesso anno.

Il 20 aprile del 1925 il T. Col. De Pinedo, a bordo di un SIAI S.16, parte dallo scalo di Sesto Calende con destinazione Melbourne (Australia) e Tokyo (Giappone). Il 07 novembre il suo ritorno viene accolto a Roma da una immensa folla, dopo una crociera della durata di 202 giorni suddivisi in 80 tappe e con 55mila chilometri di sorvolo in 370 ore complessive.

Il 10 aprile 1926 il Col. Umberto Nobile parte dall'aeroporto di Ciampino a bordo del dirigibile "Norge" per la sua prima spedizione transpolare e il 07 maggio giunge a Baia del Re, nelle isole Svalbard (Norvegia). La spedizione termina con il sorvolo dell'Oceano Glaciale Artico il 13 maggio. Nello stesso anno i piloti della Regia Aeronautica si affermano nell'edizione statunitense della Coppa Schneider, tenutasi a Norfolk, grazie al Magg. Mario De Bernardi che sul suo Macchi M.39, taglia il traguardo a una media di 396 km/h.

Il 1927 è l'anno della "Crociera delle due Americhe", compiuta dal T. Col. De Pinedo, che a bordo del suo S.55 attraversa l'Oceano Atlantico e giunge in Brasile, per poi volare verso gli Stati Uniti e fare ritorno in patria, dopo 280 ore di volo e un totale di 43.820 chilometri suddivisi in 123 giorni.

Nel 1928 il Gen. Umberto Nobile tenta una nuova avventura polare a bordo del dirigibile "Italia", che, durante l'impresa transpolare, perde quota e impatta il Pack: il Gen. Nobile e altri 9 superstiti sopravvivono per 48 giorni sui ghiacci, prima di essere recuperati dal rompighiaccio sovietico Krasin.

Nel 1934 il M.llo Francesco Agello conquista il primato assoluto di velocità per idrovolanti sul circuito a bordo del suo Macchi Castoldi MC.72, raggiungendo il limite di 709,202 km/h, record tutt'ora imbattuto.

 

("I primati aeronautici italiani" di AA.VV.; "Il più veloce del mondo" di A. Calabrese e L. Ricci - www.amazon.it/aeronauticamilitare)

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.