Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
Skip Navigation Links Storia > 1919 - 1936 > CROCIERA DEL MEDITERRANEO OCCIDENTALE
CROCIERA DEL MEDITERRANEO OCCIDENTALE
1919 - 1936
< Torna al periodo

LE CROCIERE DI ITALO BALBO

​​​Italo Balbo iniziò a pensare a questa impresa già nel corso del 1927, infatti nell'autunno di tale anno fece effettuare ai reparti da bombardamento marittimo esercitazione di volo in formazione su lunghi percorsi. Per conseguire il suo scopo Italo Balbo nominò comandante della crociera il Gen. B.A. Francesco De Pinedo, il più esperto in navigazione aerea a lunga distanza. L'itinerario prescelto fu il seguente: Orbetello, Elmas, Pollenza, Los Alcazares, Puerto de los Alfaques, Berre, Orbetello; per una distanza complessiva di 2800 chilometri. Fu inoltre predisposta una scorta navale con due cacciatorpediniere : il Sauro e il Nullo.

Complessivamente vi parteciparono 61 velivoli così suddivisi:

-       51 S59 bis appartenenti al 26° e 27° stormo da bombardamento e ricognizione

-       Un S62 sperimentale per il comandante della brigata Gen. De Pinedo

-       8 S55 dei quali 2 dovevano operare per il soccorso in mare imbarcando un medico e degli specialisti; gli altri 6 erano adibiti al trasporto delle  autorità (tra le quali il Sottosegretario alla Marina Amm. Sirianni) e dei numerosi giornalisti.

-       Un trimotore Cant.22 per il trasporto degli addetti aeronautici stranieri

La crociera iniziò il 26 maggio 1928 e si concluse il 2 giugno seguente. Si svolse in maniera perfetta senza incidenti o avarie importanti.

Italo Balbo con decorrenza 10 agosto1928 ebbe il grado di generale di S.A. di complemento. L'accoglienza in Spagna e Francia fu entusiastica e l'ammiraglio Vindry, comandante della piazza marittima di Tolone, dichiarò che la crociera era stata "la più grande manovra di masse aeree effettuata nel mondo".

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.