Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
Gen. S.A. Pier Ruggero Piccio
Biografia del Gen. S.A. Pier Ruggero Piccio 01/01/1926 06/02/1927

Pier Ruggero Piccio nasce a Roma il 27 settembre 1880; il 29 ottobre 1898 entra alla Scuola Militare di Modena, da dove esce l’8 settembre del 1900 con il grado di sottotenente del 43° Reggimento fanteria.

Nel 1903 viene inviato al Ministero degli Affari Esteri: da novembre 1903 fino a febbraio 1907 è in missione a Kalambari (Africa). Rientrato in Italia, da marzo 1908 a luglio 1909 viene assegnato alla 2^ Compagnia mista di Creta; dal 14 novembre 1911 al 2 dicembre 1912 viene assegnato al 37° fanteria durante la Guerra di Libia; come capo di una sezione di artiglieria ottiene una medaglia di bronzo al valor militare; il 31 marzo 1913 viene assegnato al 19° fanteria con il grado di capitano.

Nel luglio del 1913 consegue il brevetto di volo su monoplano Nieuport, mentre nell’ottobre consegue il brevetto di pilota militare, venendo assegnato alla 5ª Squadriglia.

Allo scoppio della Prima Guerra Mondiale viene assegnato al Corpo Aeronautico Militare. Consegue una seconda medaglia di bronzo al valor militare per le azioni di ricognizione effettuate dal maggio all’agosto del 1915. Inviato alla Malpensa per conversione su bombardieri Caproni, diviene comandante della 3ª Squadriglia su Caproni 300.

Nella primavera del 1916 viene inviato a Parigi per conversione su Nieuport biplano e nel giugno dello stesso anno assume il comando ad Istrana della 77ª Squadriglia Nieuport.

Nell’ottobre del 1916 viene decorato di medaglia d’argento al valor militare per l’abbattimento di un pallone Draken. Promosso maggiore nel dicembre del 1916, nell’aprile del 1917 viene assegnato in qualità di comandante al 10° Gruppo Squadriglie (vola con la 77^ e con la 91^ Squadriglia); promosso tenente colonnello per meriti in servizio nell'ottobre del 1917, diviene in seguito Ispettore delle squadriglie da caccia e nell’estate del 1918 viene decorato di medaglia d’oro e di medaglia d’argento al valor militare; con le sue 24 vittorie è uno dei principali Assi dell’aviazione italiana.

Dal 1921 al 1923, nel 1925 e dal 1928 al 1935 è addetto aeronautico a Parigi; nel 1923 è nominato anche aiutante da campo onorario del re.

Da ottobre 1923 a marzo 1925 è stato Comandante Generale dell'Aeronautica.

Da gennaio 1926 al 6 febbraio 1927 è stato il primo Capo di Stato Maggiore della Regia Aeronautica.

Viene nominato senatore nel 1933. Ha vissuto prevalentemente in Francia. Muore a Roma il 30 luglio 1965.

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.