Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
Ispettore I.S.V. e Presidente I.S.S.V.


Il Gen. Roberto Di Marco nasce a Messina il 20 agosto 1965 e frequenta l’Accademia Aeronautica dal 1983 al 1987 con il corso Centauro IV.

Dopo la laurea in scienze aeronautiche e i previsti corsi di pilotaggio su vari velivoli, nel 1989 è assegnato al 10° Gruppo Caccia Intercettori che opera su velivolo F 104S presso il 9° Stormo Caccia di Grazzanise, dove ricopre vari incarichi fino a quello di Comandate di Gruppo e Capo Ufficio Operazioni di Stormo.

Dal 2001 è assegnato allo Stato Maggiore Aeronautica presso il III Reparto Pianificazione dello Strumento Aerospaziale, con incarichi legati alle direttive di difesa aerea e all’addestramento dei reparti tattici. A seguito dell’attacco terroristico al WTC [USA] dell’11 settembre 2001, fa parte del progetto per la redazione della Direttiva Ministeriale RENEGADE, che disciplina e regolamenta le azioni del vertice politico e militare per il contrasto alle minacce aeree ibride. Si occupa inoltre, dell’impianto delle prime Forward Operational Base [FOB] nel teatro di operazioni iracheno e afgano e avvia il processo per la partecipazione AM alla scuola elicotteri di Shindand [Afghanistan], basata su elicottero russo MIL Mi-8. Questa è peraltro la prima occasione in cui il Comando delle Scuole AM partecipa attivamente alle OFCN della difesa.

Nel 2002, a seguito del progetto di normalizzazione del paese all’indomani delle operazioni NATO del 1999, è inviato in Kosovo come capo ufficio operazioni dell’aeroporto internazionale di Pristina e coordinatore delle attivitià locali tra UNMIK [ONU] e il contingente russo responsabile della sicurezza del sito.

Nel 2007, dopo aver frequentato i previsti corsi nazionali, è inviato negli USA per le prove funzionali di alta dinamica in centrifuga e per il corso di pilotaggio su velivolo F16, al termine del quale è nominato Comandante del 5° Stormo Caccia presso la base aerea di Cervia.

Nel 2009, al termine del periodo di comando, rientra presso il III Reparto dello Stato Maggiore Aeronautica con l’incarico di Capo del 2° Ufficio Capacità Operative. In quella veste, nel 2011, coordina con il 603 AOC di USAFE, Ramstein [GE], le direttive per la partecipazione dell’AM alla operazione di coalizione Odissey Dawn, poi ridenominata Unified Protector sotto egida NATO. A dicembre dello stesso anno è inviato in Australia alla Air Chief Conference di Camberra, per presentare le Post Conflict Lessons Identified della campagna aerea condotta dall’AM negli 8 mesi di operazioni.

Nel 2012 assume presso lo Stato Maggiore del Comando della Squadra Aerea l’incarico di Capo Ufficio A3 Operazioni e poi, promosso Gen. B.A., quello di Capo Reparto Operazioni e Addestramento. In tale veste coordina con il Comando della Squadra Navale e con il COI il contributo dell’AM per l’operazione nazionale interforze di contrasto ai traffici illeciti denominata MARE NOSTRUM, che sarà base di partenza per i successivi contributi operativi della Difesa alla operazione SOPHIA di EUNAVFOR MED, sotto egida EU.

Dopo aver frequentato alcuni corsi tra cui il CFACC di Maxwell [Alabama, US] e il Senior International Defense Management presso il DRMI di Monterey [California, US], dal giugno 2015 è assegnato al D.A.C.C.C. (Centro NATO di Comando e Controllo Aereo Rischierabile) presso la base aerea di Poggio Renatico (FE) con l’incarico di Vice Comandante e rappresentante nazionale italiano tra le 16 nazioni che lo compongono.

Nel febbraio 2019 ricopre l’incarico di Comandante il Centro Sperimentale di Volo presso la base aerea di Pratica di Mare (ROMA).

Dal settembre 2020 ha assunto l’incarico di Ispettore per la Sicurezza del Volo e di Presidente dell’Istituto Superiore per la Sicurezza del Volo.

Ha collezionato circa 2700 ore di volo, principalmente su velivoli SF.260, S.208, P.180, MB.339A e CD, G.91/T, F.104/S e ASA/M, F.16 Block 20 e 40.

È qualificato ufficiale e istruttore di sicurezza del volo, ed ha collezionato diverse collaborazioni con l’Istituto di Scienze Militari Aeronautiche di Firenze per la trattazione dei corsi CRM (Crew Resource Management e ottimizzazione della gestione dell’equipaggio di volo nel cockpit) e corsi nell’ambito dei programmi di sicurezza del volo. Sempre in supporto del Comando delle Scuole AM, è stato membro del colleggio e correlatore di alcune tesi di laurea collegate al tema della Sicurezza del Volo.

Dopo i vari corsi frequentati e per l’esperienza fatta in ambito nazionale e internazionale, nel 2005 ha conseguito una seconda laurea in scienze diplomatiche internazionali presso l’università di Trieste.

Nel novembre 2014 è posto a capo del Progetto 55PAN, per l’organizzazione del 55° anniversario della nascita delle Frecce Tricolori. L’evento, presenziato dal Presidente della Repubblica e dalle massime cariche militari e civili, si è svolto presso la base aerea di Rivolto il 5 e 6 settembre 2015 ed è stato realizzato per la prima volta in formato Air Show Internazionale con la partecipazione delle piu’ prestigiose pattuglie acrobatiche del mondo, vari velivoli in SOLO display e raccogliendo oltre 400 mila spettatori.

È sposato con la Sig.ra Angela ed ha 2 figli, Ivan e Alessio.

 

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.