Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
Comando Aerop. Vigna di Valle
Vigna di Valle
Vigna di Valle

​​​

TUTUS IN UNDIS”, così recitava il motto del vecchio stemma dell’aeroporto di Vigna di Valle: un “approdo sicuro”, per artisti e sportivi, sulle sponde del lago di Bracciano e immerso nel Parco di Bracciano-Martignano. 

Il Comando Aeroporto di Vigna di Valle ha diversi compiti tra cui:

  • ​promuovere, attraverso il Museo Storico, la ricerca, la raccolta, l'acquisizione e l'eventuale restauro di materiali storici di interesse dell'Aeronautica Militare al fine di ampliare, completare, tutelare e rendere fruibile al pubblico il patrimonio costituito da cimeli storici, velivoli e materiale documentario e fotografico;
  • assicurare, attraverso il Centro Sportivo, l'addestramento degli atleti dell'Aeronautica Militare nelle varie discipline sportive;
  • ​fornire supporto agli altri Enti presenti sul territorio aeroportuale.

Storia

L’aeroporto di Vigna di Valle è il più antico insediamento aeronautico italiano. Nei primi anni del novecento il Maggiore del Genio Mario Maurizio Moris impiantò il primo cantiere sperimentale per le costruzioni aeronautiche. Nell’ottobre del 1908 volò da qui il primo dirigibile militare italiano N.1, opera degli ingegneri Gaetano Arturo Crocco e Ottavio Ricaldoni. Nel 1911, ad opera del Tenente Cristoforo Ferrari, venne installato un Osservatorio Aerologico per l’esplorazione dell’alta atmosfera: era la Regia Stazione Aerologica Principale di Vigna di Valle, la prima base costruita in Italia per questo tipo di ricerche.

Nel 1912 fu portato in volo, per la prima volta, un idrovolante che sarà, qui a Vigna di Valle, l’indiscusso protagonista per oltre mezzo secolo. Durante la prima guerra mondiale sono stati collaudati e revisionati tutti i dirigibili militari di tipo “P” ed “M” in dotazione all’esercito. Successivamente, negli anni 20 e 30, Vigna di Valle fu sede del Centro Sperimentale Idrovolanti e dell’88° Gruppo Autonomo Caccia Marittima. Alla fine del secondo conflitto mondiale l’idroscalo divenne sede del Comando del Soccorso Aereo, rimanendo operativo fino al 1961, allorché gli ultimi idrovolanti dell’Aeronautica Militare, i Cant Z.506, uscirono dalla linea operativa.​

Da allora si sono succeduti diversi Reparti tra i quali, dal 1967 al 1999, il Centro di Selezione A.M. e, dal 1969 agli inizi degli anni 80, il Centro di Sopravvivenza e Aerosoccorritori A.M.. Attualmente Vigna di Valle è sede del Museo Storico e del Centro Sportivo dell’Aeronautica Militare​ e ha assunto la denominazione di Centro Storiografico e Sportivo dell’Aeronautica Militare.


 

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.