Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
51° Stormo

Missione

I principali compiti dello Stormo possono essere così sintetizzati:

  • Assicurare, sin dal tempo di pace, la difesa aerea dell'area di interesse nazionale, concorrendo al controllo dello spazio aereo relativo;
  • Supportare le esigenze di Forza Armata in piena integrazione Interforze e Interagenzia, assicurando capacità di Difesa Aerea, Ingaggio di Precisione, Ricognizione e Information Superiority;
  • Assicurare l'addestramento operativo dei piloti e la standardizzazione delle procedure d'impiego per la linea AM-X fino al termine del phase-out della linea;

Dotazione

A-11B;TA-11A;TA-11BF-2000A

Storia

Il 51° Stormo fu costituito il 1° ottobre 1939 sull’aeroporto di Ciampino Sud (Roma) quale Reparto Caccia e fin dall’inizio del secondo Conflitto Mondiale gli venne affidato il compito della difesa delle città di Roma e Napoli, che svolse con velivoli CR.32 e G.5O.

Con l’assegnazione dei velivoli Macchi 200, 202, 205, partecipò alle operazioni belliche in Africa Settentrionale, in Russia, nei Balcani e alla difesa dei cieli di Sicilia e di Sardegna. In cinque anni di guerra, ha effettuato oltre 40.000 ore di volo, di cui 28.000 in azioni di scorta ed attacchi al suolo. Il bilancio dell’attività bellica è rappresentato da 270 aerei abbattuti, 102 velivoli probabilmente abbattuti e 934 mitragliati in volo.

Nell’immediato dopo guerra lo Stormo fu riorganizzato sull’aeroporto di Lecce assieme ad altri Reparti da Caccia e nel 1947, con i velivoli Republic P.47, P.51 e Spitfire IX, fu trasferito sull’aeroporto di Treviso. Ricevuti gli aerei a getto F.84G, lo Stormo prese possesso, nel febbraio del 1953, della nuova Base di Istrana. La linea volo fu arricchita con l’assegnazione dei velivoli F.84F, F.86K e successivamente con il G91R. Nel 1963 il 51 diventa “bisonico” con l’assegnazione del velivolo F-104G STARFIGHTER. Il 1989 è l’anno in cui lo Stormo riceve il 103° Gruppo, primo ad avere in dotazione il nuovo velivolo AM-X.

Nel corso del 1995 il 103° Gruppo è stato il primo Reparto “Combat Ready” su velivolo AM-X ad operare in missioni reali sul territorio bosniaco effettuando operazioni di supporto aereo ravvicinato nell’ambito delle operazioni belliche programmate dalla NATO.

Nel marzo del 1999 il 22° Gruppo viene messo in posizione quadro e, a seguito del precipitare della situazione geo-politica nei Balcani il 103° Gruppo viene nuovamente impegnato in prima linea nell’ambito dell’Operazione “Allied Force” inizialmente dalla Base di Istrana ed in seguito sulla Base di Amendola, effettuando 70 missioni reali con 780 sortite complessive, contribuendo significativamente all’adempimento dei compiti assegnati dall’Alleanza alla Nazione. Nel luglio del 1999 viene assegnato il 132° Gruppo con velivoli AM-X e capacità di ricognizione fotografica.

Nell’ambito dell’attività A.M.A., dal 2001 al 2005, i due Gruppi di Volo si sono rischierati annualmente sulla Base di Goose Bay (Canada) per effettuare addestramento specifico al volo a bassissima quota; inoltre, nell’estate del 2003, per la prima volta la linea AM-X partecipa alla “RED FLAG“, complessa ed impegnativa esercitazione che si svolge in Nevada (U.S.A.) presso la Base di Nellis.

Nel 2004 lo Stormo ha festeggiato i cinquant’anni di permanenza sull’aeroporto di Istrana.

Nel 2006 lo Stormo ha fornito il proprio contributo all’Operazione ISAF (International Security and Assistance Force) in Afghanistan alimentando la Task Force Air sull’aeroporto internazionale di Kabul con gli assetti AB-212 ICO.

A partire dal 4 novembre 2009 e fino al 20 giugno 2014, sempre nell’ambito della missione ISAF, lo Stormo è stato presente ad Herat nell’ambito del JATF (Joint Air Task Force) per il soddisfacimento delle esigenze di ”Intelligence Surveillance & Reconnaissance” e di CAS (Close Air Support) con i velivoli AMX.

Nel mese di luglio del 2011, a seguito degli avvenimenti che hanno riguardato la Libia i velivoli dello Stormo sono stati rischierati presso l’Aeroporto di Trapani Birgi, per affiancarsi agli altri assetti della NATO durante l’Operazione ”Unified Protector”.

Dal 23 luglio 2014, lo Stormo ha incorporato anche il 101° Gruppo OCU cui spetta il ruolo principale di Conversione Operativa sugli AMX per i piloti neo-assegnati.

A partire dal 14 giugno 2016 e fino al 25 marzo 2019 alcuni AMX del 51° Stormo sono rischierati in Kuwait, quale contributo italiano alla componente aerea (Task Force Air) della missione di contrasto all’ISIS “Prima Parthica”, con il Task Group “Black Cats” garantendo le funzioni di intelligence, sorveglianza e ricognizione. In questo periodo i velivoli del 51° Stormo totalizzano oltre 6000 ore di volo e più di 17 mila obiettivi ricogniti.

Nei mesi di settembre e novembre del 2016, con la riorganizzazione in seno al 51° Stormo, il 103° Gruppo Volo C.B. “Davide Velut” e il 101° Gruppo O.C.U. (Operational Conversion Unit) vengono collocati in “posizione quadro”.

Il 19 gennaio 2017 viene attivata una cellula d’allarme di difesa aerea con l’arrivo di due Eurofighter F-2000. Ma è dal 12 settembre 2019 che lo stormo torna a far parte del sistema di difesa aerea di interesse nazionale, concorrendo al controllo, sin dal tempo di pace, dello spazio aereo relativo. A seguito di questa ultima organizzazione dello stormo, al 132° Gruppo C.B.R. si aggiunge la linea volo Eurofighter.

Il 13 settembre 2019 il 51° Stormo celebra il 30° anniversario dell’entrata in linea del velivolo AMX e contestualmente l’80° anniversario di fondazione dello Stormo (1 ottobre 2019) .

La Bandiera del Reparto è decorata di Medaglia d’Oro (1952) e di Medaglia d’Argento (1952) al Valor Militare e di due Croci di “Cavaliere” dell’Ordine Militare d’Italia (2015 e 2019).

 

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.