Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
41° Stormo
41° Stormo Sigonella

​​​​​Missione​​​

Il 41° Stormo Antisom di Sigonella è dotato di velivoli "Breguet 1150 Atlantic" con i quali, conseguendo e mantenendo la prontezza operativa degli stessi, garantisce la propria missione primaria consistente nel contrastare la minaccia subacquea e navale e nel fornire il servizio di ricerca e soccorso in mare a lungo raggio mantenendo sotto controllo, a protezione delle principali vie marittime, le unità navali subacquee e di superficie potenzialmente ostili. Inoltre, assicura il controllo del traffico mercantile, nell'ambito delle operazioni contro il terrorismo internazionale, ed il supporto alle attività volte al controllo dei flussi d'immigrazione clandestina dai quadranti meridionali del mediterraneo, garantendo giornalmente - a mezzo dell'Atlantic che è in grado di condurre autonomamente ricerche sistematiche su tutto il Mediterraneo - la copertura delle ampie zone di mare d'interesse, consentendo la tempestiva localizzazione dei profughi in mare e l'allertamento degli organi preposti e garantendo al contempo un costante e pronto intervento SAR (Search And Rescue: ricerca e soccorso) in caso di sinistro marittimo e naufragio degli stessi. A seguito dell'entrata in linea avvenuta nel 1972, l'attitudine dell'Atlantic ad operare autonomamente o in supporto a Forze aeronavali complesse ha consentito al 41° Stormo - in modo naturale - di adattarsi e rendersi disponibile a diverse tipologie di impiego al variare dello scenario internazionale. Così, pur mantenendo tutte le proprie peculiarità e capacità, nel tempo, è passato da un'attività prevalentemente antisommergibili e antinave tipica della "guerra fredda", ad un'attività di pattugliamento e di ricognizione ottica ed elettronica delle aree d'interesse, nonché anche ad un'attività volta al controllo dei flussi d'immigrazione clandestina nel mediterraneo. Tutto questo è da ascriversi unicamente alle capacità peculiari del velivolo Atlantic in termini di autonomia, attitudine al volo a bassissima quota e disponibilità di molteplici sensori e apparati di comunicazione e che gli permettono, di pattugliare agevolmente aree molto vaste, altrimenti esplorabili con l'impiego di numerosi altri mezzi navali ed aerei.


Dotazione

Breguet Br.1150 Atlantic​


Storia

Il 41° Stormo riceve il supporto logistico ed amministrativo dal Comando Aeroporto di Sigonella e si distingue dagli altri Enti dell'Aeronautica per alcune peculiarità che hanno riflessi sulla catena di comando e sull'organizzazione interna. Infatti, per l'impiego operativo e il relativo addestramento (in virtù di una specifica legge), è gerarchicamente dipendente dall'Ufficio dell'Ispettore dell'Aviazione per la Marina, comandato da un Generale dell'Aeronautica, con collegamento tecnico dal Comandante in Capo della Squadra Navale della Marina Militare. Per questo motivo gli equipaggi degli Atlantic sono composti da personale tratto in eguale misura dalle due Forze Armate. La specificità rappresenta dal 1965 un esempio di sinergia e cooperazione interforze ben collaudato ed efficiente che si pone in netto anticipo rispetto al forte sviluppo interforze dello strumento militare caratteristico di questi ultimi anni. Sotto il profilo ordinativo, è articolato come segue: 88° Gruppo Antisom; 86° Centro Addestramento Equipaggi; Gruppo Efficienza Aeromobili; Ufficio Operazioni con personale di Marina e relativa Sezione Personale; Segreteria Comando di Stormo. Il 41° Stormo Antisom veniva costituito, con disposizione dello Stato Maggiore Aeronautica, il 1° ottobre 1965 sull'Aeroporto di Catania Fontanarossa con alle dipendenze l'87° Gruppo Autonomo operante dall'Aeroporto di Sigonella e l'88° Gruppo Antisom operante da Fontanarossa, entrambi equipaggiati con velivolo "Grumman S2F-1 Tracker". Il 17 luglio 1939, il 41° Stormo fu costituito inizialmente sull'Aeroporto di Reggio Emilia nella specialità Bombardiere Terrestre, al comando del Colonnello Pilota Enrico Pezzi. 

Dopo aver partecipato alle azioni belliche nel mediterraneo e nel Nord Africa ed insignito con ben due Medaglie d'Argento al Valor Militare nel 1940 e nel 1940-41, il 41° Stormo fu disciolto nel 1943. Il 1° maggio 1971, veniva intitolato al Capitano Pilota Athos Ammannato, Comandante della 235ª Squadriglia del 60° Gruppo del 41° Stormo Bombardiere Terrestre, caduto in mare il 20/02/1941 al rientro da un'azione di guerra sul mediterraneo e per questo decorato di Medaglia d'Oro al Valor Militare alla memoria. Nel novembre 1971, è iniziata l'era "Atlantic" quando anche l'88° Gruppo si trasferiva a Sigonella dove erano disponibili spazi ed infrastrutture più adeguate al nuovo velivolo. Infatti, il 27 giugno 1972, il primo "Breguet 1150 Atlantic" italiano poggiava le "prime" ruote sulla pista di Sigonella. Il 31 agosto 1978, l'87° Gruppo veniva posto in posizione quadro e nello stesso anno il Comando di Stormo veniva trasferito da Fontanarossa a Sigonella. Lo Stormo ha mantenuto sostanzialmente inalterata la sua struttura sino al 1° agosto 2002, quando in seguito allo scioglimento del "gemello" 30° Stormo di Cagliari Elmas, la Componente è stata accorpata nell'ambito del 41° Stormo, diventando l'unica realtà Antisom a lungo raggio delle Forze Armate Italiane a guida Aeronautica Militare. Come conseguenza di questa "fusione", il 1° dicembre 2003, è avvenuta la trasformazione del Centro Manutenzione (CM) a Gruppo Efficienza Aeromobili (GEA) e la creazione del secondo Gruppo di Volo: l'86° Centro Addestramento Equipaggi (CAE). Il 28 marzo 2007, il Presidente della Repubblica ha appuntato sulla Bandiera di Guerra del 41° Stormo Antisom la Medaglia d'Argento al Merito Civile quale riconoscimento per la meritoria ed incessante opera svolta dal Reparto nel periodo dal 1990 al 2005 a protezione dei traffici marittimi e della ricerca e soccorso di profughi e naufraghi nell'area mediterranea. Quest'ultima Medaglia si è aggiunta alle precedenti due al Valor Militare (del 1940 e 1940-41) facendo diventare la Bandiera del 41° Stormo una delle più decorate dell'Aeronautica Militare ed unica nel suo genere ad aver ricevuto onorificenze nelle sue tre diverse specialità di Bombardiere, Intercettore ed Antisom. Il 31 dicembre 2013, il 41° Stormo ha subito un'ulteriore trasformazione dando vita al Comando Aeroporto di Sigonella ma mantenendo sotto la propria dipendenza le Unità Operative della Base Area, Gruppi Volo e Manutenzione. Da qualche anno è già iniziata per il 41° Stormo la fase di transizione al nuovo sistema d'arma: il velivolo ATR-72 nella versione militarizzata "maritime patrol" P-72A, in arrivo a Sigonella entro l'anno 2016. Intanto, seppur datato e vicino alla dismissione, l'Atlantic - il velivolo più "anziano" dell'Aeronautica Militare - continua a rappresentare un binomio di operatività ed efficacia per l'intera Forza Armata.​​

 

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.