Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
22° gruppo radar a.m.
22 gram
22 GRAM

​​​​​​​​​ 

Missione 

Compito istituzionale del 22° Gruppo Radar dell'Aeronautica Militare è la Sorveglianza e la Difesa dello Spazio Aereo NATO e Nazionale. Il 22° GrRAM, infatti, è un CRC (Control Reporting Centre), posto sin dal tempo di pace, sia sotto il comando e controllo NATO, sia sotto quello nazionale. Quale Ente della Difesa Aerea, in ambito NATO il CRC di Licola è inserito nello IA&MDS (Integrated Air&Missile Defence System), dove è posto alle dipendenze del CAOC (Combined Air Operation Center) di Torrejon in Spagna, mentre in ambito nazionale, a seguito della più recente revisione ordinativa del COA,  che ha sancito la riorganizzazione dell'articolazione del COA A.R.S. (Air Control Center, Rap Production Center, Sensor Fusion Post), ha una dipendenza dal Reparto Difesa Aerea Missilistica Integrata (DAMI) di Poggio Renatico. Nella dottrina NATO, il CRC rappresenta la massima entità deputata a funzioni di Air Policing e di esercizio del Controllo Tattico (TACON) sugli assetti deputati all'assolvimento dei compiti di Difesa dello Spazio Aereo Nazionale. 

In entrambi i contesti, NATO e Nazionale, il 22° GrRAM opera con funzioni di scoperta di qualsiasi vettore che attraversa lo spazio aereo di competenza e, nel contempo, di gestione dei velivoli intercettori pilotati e non, eventualmente chiamati ad intervenire in caso di violazioni dello Spazio Aereo o di mancata identificazione.

Il 22° Gruppo Radar per l'assolvimento delle funzioni assegnate, si avvale di una complessa rete di sistemi d'arma locali e remoti, quali Radar EW (Early Warning), in particolare dei più moderni sistemi 3D Long Range in configurazione fissa o mobile, con capacità di contrasto a minacce TBM (Tactical Ballistic Missile). È inoltre equipaggiato localmente e gestisce in maniera remota, numerosi apparati radio VHF e UHF con capacità crypto. Infine, è in grado di condurre operazioni congiunte, con assetti navali e terrestri, mediante sistemi automatizzati di scambio dati, attraverso diversi TDL (Tactical Data Link).

Sin dal 2003, il Reparto è stato dotato di un sistema di Comando e Controllo denominato MASE (Multi Aegis Site Emulator), che integrato con ulteriori piattaforme, quali SSSB (Ship Shore Ship Buffer), CSI (Control and Reporting Centre/Surface to Air Missile Interface) e mediante il sistema RIS (Radar Integration System), consente la visualizzazione nella Sala Operativa del 22° Gruppo Radar della rappresentazione in modo standardizzato delle informazioni ricevute da tutti i sistemi collegati. Tale dotazione permette la fusione delle varie ed eterogenee informazioni ricevute, l'identificazione della situazione aerea, navale e terrestre nell'Area di responsabilità, consentendo così, la gestione autonoma di qualunque scenario di crisi.

Storia 

Il 22° Gruppo Radar dell'Aeronautica Militare viene costituito a Licola (NA) l'8 Settembre del 1956, quale Reporting Post operante sia a livello nazionale che NATO, con funzione di sorveglianza dello spazio aereo sovrastante il medio e basso Tirreno. Nel 1968 il Sito assume la funzione di CRP (Control Reporting Post, successivamente denominato CRC, Control Reporting Center, 1972) con possibilità di aggiungere alle sue funzioni originarie il controllo tattico degli intercettori pilotati eventualmente chiamati ad intervenire. Negli anni successivi il 22° Gruppo Radar raggiunge l'autonomia decisionale per disporre un eventuale decollo dei velivoli intercettori in caso di allarme (scramble). Dal 1983 il Gruppo avvia la sua trasformazione dalla fase fonetico manuale utilizzata fino ad allora a quella semi-automatica. Ciò consente l'ingresso del Sito nella rete della difesa Aerea Nato denominata NADGE che si conclude favorevolmente nel dicembre 1984. Dal 1990 il 22° Gruppo Radar diventa l'alternato del SOC (Sector Operation Center) di Martina Franca da cui allora dipendeva gerarchicamente con funzioni, all'occorrenza, di coordinamento e controllo dei vari CRC dipendenti. Nel 1995 viene avviato un ulteriore programma di ammodernamento con l'installazione del Sistema RIS (Radar Integration System) attraverso il quale vengono gestite 8 testate radar remote. Nel 1997 con la dismissione dei SOC, il Sito torna ad essere un CRP e nel 2001 assume la funzione di Centro Operativo Aereo alternato. Nel 2003 viene introdotto il sistema MASE (Multi Aegis Site Emulator) e successivamente le interfacce CSI (CRC System Interface) e SSSB (Ship, Shore, Ship Buffer) capace di integrare in parte le informazioni trasmesse dalle unità terrestri e navali. Nel 2010 il 22° Gruppo Radar avvia un ulteriore ed innovativo programma di ammodernamento attraverso il sistema RIS 2 capace di integrare fino a 24 testate radar remote in un'unica sala operativa.

 

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.