Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
Skip Navigation Links Comunicazione > Pubblica Informazione > Comunicati Stampa > Un passeggero della Costa "Fascinosa" con grave emorragia interna soccorso da un elicottero AB212 dell'Aeronautica Militare
MINISTERO DELLA DIFESA
AERONAUTICA MILITARE
Ufficio pubblica informazione

21/09/2016 Roma,
32/2016
Un passeggero della Costa "Fascinosa" con grave emorragia interna soccorso da un elicottero AB212 dell'Aeronautica Militare

La 670ª Squadriglia dell'80° Centro CSAR DI Decimomannu è decollato su allarme in soccorso di un passeggero in difficoltà,  si tratta del 1000°  intervento di salvataggio a favore della popolazione civile  del Reparto basato in Sardegna.

Nella tarda mattinata di mercoledì 21 settembre un elicottero AB 212 della 670ª squadriglia dell'80° Centro Combat SAR (Search and Rescue) di Decimomannu, del 15°Stormo dell'Aeronautica Militare, si è alzato in volo, per soccorrere un passeggero della Costa "Fascinosa" gravemente colpito da emorragia interna. La nave da crociera si trovava a circa 200 km, a sud ovest delle coste della Sardegna.

A seguito dell'allertamento partito dal Comando delle Operazioni Aeree di Poggio Renatico (FE), l'elicottero è decollato dalla base aerea di Decimomannu e dopo aver imbarcato all'ospedale "Brotzu" di Cagliari il medico e l'infermiere del 118, ha raggiunto l'imbarcazione.

Il passeggero è stato recuperato dall'equipaggio tramite una barella verricellabile e trasportato all'ospedale di Cagliari subito dopo aver ricevuto un primo soccorso a bordo del velivolo.

Si tratta del millesimo intervento SAR dal 1961, anno di costituzione della Squadriglia su Decimomannu. L'ultimo era avvenuto il 30.08.2016 per il recupero di traumatizzato nella catena montuosa del Gennargentu.

L'80° Centro è uno dei reparti del 15° Stormo dell'Aeronautica Militare che garantisce 24 ore su 24, per 365 giorni all'anno, la ricerca ed il soccorso degli equipaggi di volo in difficoltà, inoltre concorre ad attività di pubblica utilità quali la ricerca di dispersi in mare o in montagna, il trasporto sanitario d'urgenza di ammalati in pericolo di vita ed il soccorso di traumatizzati gravi.

Dalla sua costituzione ad oggi, gli equipaggi del 15° Stormo hanno salvato circa 7.300 persone in pericolo di vita.

 

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.