Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
Skip Navigation Links Comunicazione > Pubblica Informazione > Comunicati Stampa > Aeronautica: trasportata d'urgenza donna incinta da Reggio Calabria a Roma
MINISTERO DELLA DIFESA
AERONAUTICA MILITARE
Ufficio pubblica informazione

15/09/2016 Roma,
30/2016
Aeronautica: trasportata d'urgenza donna incinta da Reggio Calabria a Roma

​Il volo, inizialmente di addestramento, è stato riconfigurato in tempi strettissimi in volo ambulanza

Una giovane donna incinta è stata trasportata d’urgenza nella mattinata di oggi da Reggio Calabria a Roma con un Falcon 50 del 31° Stormo. La gestante era ricoverata presso gli Ospedali Riuniti del capoluogo calabro e le critiche condizioni cliniche ne hanno reso necessario il trasferimento immediato presso l’ospedale Fatebenefratelli di Roma. 

 Il volo-ambulanza, uno dei servizi a favore della collettività che l’Aeronautica Militare assicura attraverso velivoli ed equipaggi pronti al decollo in tempi strettissimi, è stato richiesto dalla Prefettura di Reggio Calabria e coordinato dalla Sala Situazioni di Vertice dell’Aeronautica Militare. A bordo, viste le particolari condizioni cliniche della paziente, è stata anche caricata una culla termica in caso di necessità. Il volo, inizialmente di addestramento, è stato riconfigurato in tempi strettissimi in trasporto sanitario di urgenza, permettendo in poco più di tre ore dall’attivazione di concludere positivamente la missione, che si è conclusa intorno alle 12,30 con l’arrivo a Ciampino. 

Interventi di questo tipo da parte dei velivoli dell'Aeronautica Militare sono molto frequenti, centinaia ogni anno, ogni qual volta le condizioni e la posizione geografica del paziente rendano necessario il trasporto aereo d’urgenza. Si tratta di mezzi sempre pronti al decollo e che hanno la capacità di imbarcare equipe ed apparecchiature mediche e sanitarie specifiche, come ad esempio le culle termiche, o addirittura l'ambulanza con il paziente a bordo, come nel caso dei velivoli della 46^ Brigata Aerea di Pisa.

 

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.