Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
Skip Navigation Links Comunicazione > Notizie > Archivio > 2016 > Conclusi i ludi sportivi della Scuola Marescialli
Conclusi i ludi sportivi della Scuola Marescialli
18/04/2016
Scuola Marescialli - Viterbo
Magg. BAMBINI Massimo

Martedì 12 aprile 2016, con la cerimonia di chiusura, presieduta dal Comandante della Scuola Marescialli dell’Aeronautica Militare e dell’Aeroporto di Viterbo, Col Paolo Briancesco si sono conclusi i Ludi Sportivi 2016 della Scuola Marescialli dell’Aeronautica Militare/Comando Aeroporto di Viterbo – 4° Trofeo Aviere Scelto Giulia Incisa della Rocchetta.

 

Ai Ludi 2016 hanno partecipato le rappresentative dei tre corsi Allievi Marescialli dell’Aeronautica Militare presenti in sede: il 16° Corso Thunor, il 17° Corso Uriel ed il 18° Corso Normale.

 

La vittoria è andata sul filo di lana al 17° Corso Uriel (220 punti) che ha ottenuto lo stesso punteggio del 16° corso Thunor ma si è aggiudicato la competizione in virtù della migliore media ottenuta nelle gare individuali obbligatorie.

 

A livello individuale il vincitore del premio per il migliore atleta nelle due specialità obbligatorie è stato l’Allievo Maresciallo Vincenzo Lembo del 18° Corso Normale, mentre tra le donne ha vinto il M.llo di 3^classe Federica Torrico del 16° Corso Thunor .

 

Dopo il discorso introduttivo del Comandante dei Corsi, Col. Leonardo Moroni, che nel ringraziato tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione dell’evento, ha evidenziato i valori della pratica sportiva, si sono tenute le premiazioni delle numerose competizioni, a squadre e singole, previste dal programma.

 

In conclusione l'intervento del Col. Briancesco che ha ricordato come “in questi giorni ciascuno di voi ha gareggiato con passione dando il meglio di se per far prevalere i colori del proprio Corso, riconoscendo nel rivale del momento, un avversario forte, coraggioso, disciplinato e leale. Queste sono infatti le qualità che sono scese in campo insieme alle competenze tecniche. E questo dualismo di etica e competenza animata dalla passione è ciò che guida ogni appartenente all’Arma Azzurra anche nell’assolvimento dei compiti istituzionali. (…..) Tra qualche giorno anche l’ultimo corso in campo suggellerà con il giuramento solenne questo impegno per la vita. La differenza tra l’evento sportivo e le attività istituzionali è che nel primo l’importante è partecipare. Nelle attività operative questo non è sufficiente. E’ fondamentale raggiungere gli obiettivi assegnati. Si deve cioè vincere.”

Alla cerimonia era presente il Sig. Ottaviano Incisa della Rocchetta, padre di Giulia, che ha partecipato alla premiazione.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

ALTRE DALLA CATEGORIA

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.