Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
Skip Navigation Links Comunicazione > Notizie > Archivio > 2014 > Volo ospedale Cagliari-Pisa con un Falcon 50
Volo ospedale Cagliari-Pisa con un Falcon 50
31/01/2014
Distaccamento Aeroportuale Elmas - Cagliari - Luogt. Ivano Car
Foto di repertorio
Giovedì 30 gennaio, un neonato, ricoverato nel reparto di neonatologia del Policlinico Universitario di Monserrato (Cagliari) a causa di una grave patologia cardiaca, è stato trasferito d’urgenza all'ospedale pediatrico del cuore "Pasquinucci" di Massa, a bordo di un velivolo dell'Aeronautica Militare.


La richiesta di trasporto, resasi necessaria per garantire al piccolo paziente immediate cure mediche specialistiche, inviata dall’ospedale alla Prefettura di Cagliari, è pervenuta alla Sala Situazioni di Vertice dello Stato Maggiore Aeronautica che ha disposto l’esecuzione immediata del volo. Il velivolo, un Falcon 50 del 31° Stormo di Ciampino (Roma), è atterrato all’aeroporto "Mario Mameli" di Elmas-Cagliari alle ore 13:05 ed è ripartito, alle ore 13:39, alla volta dell’aeroporto di Pisa, dove è giunto dopo circa 1 ora di volo.
Il neonato, alloggiato all'interno di una speciale culla termica e accompagnato dal papà, è stato assistito durante il volo da un medico e un'infermiera dell’ospedale cagliaritano.
Arrivato all'aeroporto "Galileo Galilei" di Pisa, il paziente è stato subito trasferito, a bordo di un'ambulanza, all’ospedale di Massa, distante circa 50 km.

 

L’aeroporto di Cagliari-Elmas rappresenta attualmente, per tutta la parte meridionale della Sardegna, lo scalo maggiormente utilizzato per questo tipo di voli, in quanto vicino alle principali strutture ospedaliere del capoluogo.

Gli aeromobili del 31° Stormo di Ciampino  sono utilizzati per il trasporto di Stato e per missioni di pubblica utilità, quali il trasporto sanitario d’urgenza di ammalati, di traumatizzati gravi e di organi per trapianti, nonché per interventi a favore di persone comunque in situazioni di rischio. Quest’ultima attività, dato l’imminente pericolo di vita delle persone trasportate, impone un livello di prontezza, ventiquattr’ore al giorno,365 giorni all’anno.

 

Foto di repertorio

ALTRE DALLA CATEGORIA

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.