Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
Skip Navigation Links Comunicazione > Notizie > Archivio > 2014 > Il Link 16 in Italia: conferenza utilizzatori al COA
Il Link 16 in Italia: conferenza utilizzatori al COA
02/07/2014
CSA (sede di servizio COA) - Poggio Renatico (Ferrara) - Col. Paolo Bressan
Un momento della conferenza
I rappresentanti dei reparti Italiani e stranieri, che utilizzano il "Link 16" in Italia, si sono riuniti dal 24 al 26 giugno a Poggio Renatico, presso il Comando Operazioni Aeree (COA), per promuoverne l’utilizzo attraverso lo scambio di informazioni ed esperienze relative all’uso del sistema sia in operazioni reali, sia nell’attività quotidiana.

 

La conferenza, che si svolge per il secondo anno consecutivo al COA, è stata organizzata dalla Sezione Gestione Tactical Data Link dell’Air Operation Centre nazionale (IT-AOC), che esercita la gestione operativa del "Link 16" sull’intero territorio nazionale.

 

Durante i lavori, aperti dal Generale di Brigata Aerea Loris Giusti, Comandante l’IT-AOC, sono stati presentati i piani di sviluppo e di supporto della capacità "Link 16" per gli assetti nazionali e ogni utilizzatore ha potuto condividere, con i presenti, le proprie esperienze e capacità.

 

All’evento hanno partecipato, per l’Aeronautica Militare, personale degli Stormi, dei Gruppi Radar e dei Comandi AM che usano il sistema di comunicazione e, in ambito interforze/internazionale, delegazioni dell’Esercito Italiano, della Marina Militare, del Deployable Air Command and Control Centre (DACCC) di Poggio Renatico, della NATO AWACS E-3A Component di Geilenkirchen (Germania), del 31° Fighter Wing dell’USAF nonché rappresentanti dell’industria nazionale.

  

Il "Link 16" permette lo scambio di informazioni tattiche e di ordini tra le unità di Comando e Controllo ed i velivoli in volo, in tempo reale ed in forma digitale, senza l’utilizzo dei collegamenti radio. Tale sistema, in uso comune nei Paesi occidentali, è oramai requisito necessario nelle operazioni di coalizione condotte secondo il concetto “NATO Network Enabled Capabilities”.

 

ALTRE DALLA CATEGORIA

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.