Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
Skip Navigation Links Comunicazione > Notizie > Archivio > 2014 > Volo transoceanico per due connazionali
Volo transoceanico per due connazionali
02/09/2014
31° Stormo - Ciampino (RM) - M.llo Giuseppe Pallante
Foto di gruppo
Lunedì 1 Settembre, un velivolo Falcon 900 Easy del 31° Stormo di Ciampino (RM), partito lo scorso 29 Agosto, è rientrato dopo aver effettuato un volo umanitario transoceanico per riportare in Italia due piccoli pazienti connazionali ricoverati negli U.S.A. dove hanno ricevuto particolari cicli di cure in strutture altamente specializzate.

Il volo è stato autorizzato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, per il tramite della Sala Situazione di Vertice dello Stato Maggiore Aeronautica.

 

Il velivolo, partito nella mattina del 29 Agosto dall’Italia, dopo aver effettuato uno scalo tecnico a Gander (Canada - U.S.A.) è arrivato alle ore 01:30 del 30 Agosto a San Diego (California - U.S.A.). Il giorno successivo, nel pomeriggio, il velivolo dopo aver imbarcato il primo paziente, ricoverato presso l’Osteopatich Center for Children di San Diego seguito da un'equipe medica ed accompagnato dalla madre, è decollato alla volta di Pittsburgh (Pennsylvania – U.S.A.) dove, atterrato alle ore 23:40, ha prontamente imbarcato la seconda paziente, ricoverata presso il Children’s Hospital, anche lei accompagnata da un'equipe medica e la madre, per ripartire alla volta dell’Italia.
Dopo uno scalo tecnico a Shannon (Irlanda), il velivolo è atterrato a Ciampino per lasciare il primo paziente per poi ripartire alla volta di Lecce dove è stata sbarcata la seconda paziente.
Il velivolo è rientrato a Ciampino alle ore 14:50.

 

Gli aeromobili del 31° Stormo di Ciampino sono utilizzati per il trasporto di Stato e per missioni di pubblica utilità, quali il trasporto sanitario d’urgenza di ammalati, di traumatizzati gravi e di organi per trapianti, nonché per interventi a favore di persone comunque in situazioni di rischio. Quest’ultima attività, dato l’imminente pericolo di vita delle persone trasportate, impone un livello di prontezza, ventiquattr’ore al giorno, 365 giorni all’anno.

ALTRE DALLA CATEGORIA

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.