Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
Skip Navigation Links Comunicazione > Notizie > Archivio > 2014 > Trasporto d’urgenza con un Falcon 50
Trasporto d’urgenza con un Falcon 50
17/03/2014
Distaccamento Aeroportuale - Brindisi - Lgt Michele Candeloro
L’arrivo del Falcon 50 dell’Aeronautica Militare a Brindisi
Venerdì 14 Marzo, un adolescente di 16 anni, in attesa di trapianto epatico, è stato trasportato d'urgenza da Brindisi a Bologna, a bordo di un Falcon 50 dell'Aeronautica Militare.
La Sala Situazioni di Vertice dello Stato Maggiore (Roma), a seguito della richiesta inviata dalla Prefettura di Brindisi, ha disposto l’impiego immediato del velivolo del 31° Stormo di Ciampino (Roma).

 

Il velivolo è atterrato all’aeroporto di Brindisi nelle prime ore della sera e, dopo aver imbarcato il paziente e i genitori che lo accompagnavano, è ripartito alla volta dell’aeroporto bolognese "Guglielmo Marconi".
Una volta giunto a Bologna, il ragazzo è stato subito trasferito, con un’ambulanza, presso l’Ospedale Sant’Orsola del capoluogo emiliano per essere sottoposto all’intervento.

 

Gli aeromobili del 31° Stormo di Ciampino sono utilizzati per il trasporto di Stato e per missioni di pubblica utilità, quali il trasporto sanitario d’urgenza di ammalati, traumatizzati gravi e organi per trapianti, nonché per interventi a favore di persone in situazioni di rischio. Quest’ultima attività, dato l'imminente pericolo di vita delle persone trasportate, impone un adeguato livello di prontezza, ventiquattr’ore al giorno, 365 giorni all’anno.
Il Distaccamento aeroportuale di Brindisi è spesso utilizzato per queste tipologie di voli in quanto vicino alle maggiori strutture ospedaliere del sud Salento.

 

L’imbarco del paziente e dei genitori a bordo del Falcon 50 dell’Aeronautica Militare

 

Il velivolo Falcon 50 del 31° Stormo giunto a Brindisi

ALTRE DALLA CATEGORIA

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.