Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
Skip Navigation Links Comunicazione > Notizie > Electronic Warfare: a Grosseto la seconda edizione della Mission Data Week
Electronic Warfare: a Grosseto la seconda edizione della Mission Data Week
16/09/2020
4° Stormo - Grosseto
Ten. Orsola Santoro

Si è conclusa il 16 settembre la seconda edizione della Mission Data Week la cui prima edizione si è svolta nel mese di marzo dello scorso anno. Un'attività divenuta ormai l'occasione principale per la Forza Armata per mettere in pratica le risultanze teoriche nell'elaborazione ed ottimizzazione dei "Mission Data" del velivolo (Radar, Armamento, Autoprotezione), ovvero dell'insieme dei dati indispensabili che devono essere caricati sui sistemi di bordo, affinché il Sistema d'Arma possa esprimere al meglio le proprie capacità operative.

L'attività, articolata su prove a terra ed in volo, nonché su sessioni di studio e panel, è stata gestita attraverso il lavoro coordinato di un team composto dai Weapon Instructor della linea F2000, da rappresentanti del ReSTOGe, da ingegneri della ditta Leonardo e di personale del Reparto Sperimentale di Volo. La particolarità di quest'edizione è stata la partecipazione, per la prima volta, di due Piloti Sperimentatori del RSV (Reparto Sperimentale Volo).

Oltre al miglioramento della programmazione dei Mission Data, l'evento ha rappresentato un'ottima occasione per l'incremento delle capacità del Link-16 e per il perfezionamento dell'integrazione dei dati condivisi tra i sensori, al fine di ottenere un'informazione sempre più puntuale e completa e per l'acquisizione di un maggior grado di interoperabilità tra i velivoli di quarta e quinta generazione.  Le missioni di volo, infatti, hanno coinvolto non solo gli Eurofighter del 4°, 36°, 37° e 51° Stormo, ma anche gli assetti CAEW e l'F-35. Gran parte delle missioni di volo hanno visto il coinvolgimento del Poligono Sperimentale e di Addestramento Interforze di Salto di Quirra (PISQ), quale poligono dotato di emulatori di Guerra Elettronica e del ReGISCC (Reparto Gestione e Innovazione Sistemi di Comando e Controllo) per il controllo di configurazione dei sistemi.

Notevoli sono stati i ritorni addestrativi per un'attività che è funzionale non solo al diretto sviluppo del velivolo Eurofighter, ma anche al raggiungimento degli obiettivi addestrativi delle Major Exercise cui l'Aeronautica Militare dovrà partecipare con i propri assetti nell'anno a venire. 

Il 4° Stormo dipende dal Comando Squadra Aerea per il tramite del Comando Forze da Combattimento. Assicurare la difesa aerea dell'area d'interesse nazionale, concorrendo al controllo, sin dal tempo di pace, dello spazio aereo relativo ed effettuare operazioni di difesa aerea nelle aree assegnate, nel quadro della partecipazione a operazioni internazionali di prevenzione e gestione della crisi. Nello specifico il Reparto è impegnato nel Servizio di allarme, 365 giorni all'anno, 24 ore al giorno, attraverso l'impiego del velivolo Eurofighter. Il 4° Stormo si occupa inoltre di assicurare la conversione operativa dei piloti della Forza Armata da impiegare nella linea Eurofighter F-2000.

ALTRE DALLA CATEGORIA

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.