Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
Skip Navigation Links Comunicazione > Notizie > Esercitazione Medusa, addestramento in mare per il recupero del personale militare
Esercitazione Medusa, addestramento in mare per il recupero del personale militare
21/08/2019
32° Stormo - Amedola (FG)
Magg. Daniele Trifance

​Mercoledì 21 agosto si è conclusa l'esercitazione "Medusa", effettuata sul tratto di mare antistante il Distaccamento Straordinario dell'Aeronautica Militare di Siponto (FG).

L'attività addestrativa è stata divisa in due fasi, la prima teorico-pratica durante la quale il personale è stato indottrinato sia sulle nozioni basilari delle manovre di salvataggio, pronto soccorso e rianimazione, sia sull'utilizzo dei sistemi di emergenza e procedure di recupero, oltre agli aspetti clinici legati alla sopravvivenza in mare, individuale e di gruppo.

La seconda fase, invece, si è tenuta presso il Distaccamento di Siponto ed ha messo in pratica un reale recupero in mare del personale navigante tramite l'utilizzo del verricello, con il supporto del personale aerosoccorritore dell'84° Centro C.S.A.R. (Combat Search and Rescue) di Gioia del Colle (BA), dipendente del 15° Stormo di Cervia (RA).

L'obiettivo dell'evento, pianificato e coordinato dall'Ufficio Sicurezza Volo del 32° Stormo, è stato quello di mantenere alti gli standard addestrativi dei piloti, perfezionando la capacità di gestione di eventuali situazioni di emergenza, attraverso la familiarizzazione con le procedure ed i materiali di sopravvivenza.

In particolare, il focus dell'esercitazione si è tenuto sulle specifiche tecniche di sopravvivenza in mare da adottare in caso di abbandono del velivolo, in attesa dell'arrivo dei primi soccorsi. In tale ambito, anche il personale dell'84° C.S.A.R., intervenuto con un elicottero HH-139A, ha avuto la possibilità di consolidare il proprio livello addestrativo, applicando le particolari procedure che si effettuano in operazioni reali di pubblica utilità, quali ad esempio la ricerca, il soccorso e il salvataggio di persone in situazioni di particolare pericolo o difficoltà, intervenendo con rapidità, efficacia e sicurezza.

Allo scopo di garantire la sicurezza e l'incolumità dei numerosi bagnanti che dal litorale garganico hanno assistito con curiosità, l'esercitazione si è svolta grazie anche all'intervento della motovedetta della Capitaneria di Porto di Manfredonia (FG), che ha pattugliato tutto lo specchio d'acqua interessato.

Il 32° Stormo con sede ad Amendola (Foggia) è uno dei Reparti di volo dell'Aeronautica Militare dipendente dal Comando Squadra Aerea di Roma, per il tramite del Comando Forze da Combattimento di Milano. Primo Reparto in Europa ad acquisire i velivoli F35, svolge attività operativa, addestrativa e tecnica degli aeromobili a pilotaggio remoto Predator, al fine di acquisire e mantenere la capacità di effettuare operazioni ISTAR nazionali e di coalizione. Inoltre, fornisce e completa, attraverso i velivoli MB-339, l'addestramento dei piloti di APR in modo da assicurare un adeguato livello addestrativo su velivoli a pilotaggio tradizionale. Da marzo 2018 i velivoli F35 del 32° Stormo sono stati integrati nel sistema di Difesa aerea contribuendo così, con specifiche capacità operative e tecnologia di ultima generazione, alla difesa dei cieli italiani.

ALTRE DALLA CATEGORIA

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.