Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
Skip Navigation Links Comunicazione > Notizie > Programma Air to Surface Integration: esercitazione congiunta Esercito-Aeronautica
Programma Air to Surface Integration: esercitazione congiunta Esercito-Aeronautica
06/03/2019
51° Stormo - Istrana
Magg. Marco Barone

Nell'ambito del programma "Air to Surface Integration" (A.to.S.I) inserito nel Piano Squadra 4.0 del Comando Squadra Aerea per favorire la continua integrazione di capacità e competenze in ambiente "interforze" e al fine di contribuire alla creazione di effetti significativi da parte degli strumenti del Potere Aerospaziale nel Joint Battlespace., il 51° Stormo  ha dato vita ad un progetto che prevede la collaborazione  tra i piloti della linea AMX e quelli appartenenti al 5° Reggimento AVES "Rigel" di Casarsa della Delizia (PD).  In tale contesto, martedì 5 marzo si è svolta, dopo un periodo di intensa pianificazione, un'esercitazione con l'obiettivo di rinnovare la conoscenza delle reciproche capacità ed esplorare potenziali sinergie d'impiego in materia di Personnel Recovery (P.R.) e Close Air Support (C.A.S.). E' stata organizzata presso l'aeroporto di Istrana un'attività addestrativa che ha coinvolto quattro AMX del 51° Stormo, tre elicotteri AH-129 e due UH-90 del 5° Reggimento dell'AVES "Rigel", personale qualificato Joint Terminal Attack Controller (J.T.A.C.) del 5° Reggimento Alpini di Vipiteno (BZ) e una squadra di fanti aeromobili del 66° Reggimento "Trieste" di Forlì (FC), specializzati nelle procedure di recupero di personale rimasto isolato. 

A testimonianza dell'importanza del progetto e della forte volontà di sviluppare nuove dinamiche interforze, all'esercitazione hanno preso parte, ognuno volando sugli assetti della propria Forza Armata, il Comandante della Squadra Aerea, Generale di S.A. Fernando Giancotti ed il Comandante delle Forze Operative Terrestri e del Comando Operativo Esercito, Generale di Corpo d'Armata Federico Bonato.

L'esercitazione si è basata sul recupero di personale militare in area di crisi, con ambiente ostile e non permissivo. L'attività di addestramento si è svolta in uno scenario aderente alle reali condizioni in cui gli assetti si potrebbero trovare ad operare.  Più in particolare, sono state designate delle aree di recupero del personale, denominate Pick-up zones, in cui gli elicotteri sono atterrati per svolgere le operazioni di rescue del personale, permettendo così agli equipaggi di bordo e alla fanteria aeromobile di addestrarsi nell'attività di recupero.

Gli AMX hanno svolto il ruolo di Rescue Mission Commander (R.M.C.) con il compito di proteggere sia il personale militare da trarre in salvo sia gli assetti di recupero dalle minacce presenti nell'area di operazione. Particolare importanza per questo tipo di missione ha avuto l'utilizzo del POD Reccelite grazie al quale anche in questo contesto gli AMX hanno potuto garantire la capacità di Information Superiority monitorando in tempo reale i vari cambiamenti e le potenziali minacce sul terreno.

L'attività operativa svolta ha consentito di implementare la sinergia tra i diversi assetti e si è rivelata fondamentale per testare procedure tecnico tattiche ed operative contribuendo in maniera costruttiva a sviluppare nuove proficue collaborazioni e sinergie interforze.

Il 51 ° Stormo è uno dei Reparti di volo dell'Aeronautica Militare dipendente dal Comando Squadra Aerea per il tramite del Comando Forze da Combattimento di Milano. Il Reparto ha la configurazione di Stormo caccia bombardiere e ricognitore, basato sulla presenza di un gruppo di volo, il 132° equipaggiato con velivolo AMX e AMX-T. I principali compiti dello Stormo sono le operazioni combinate di supporto alle forze di superficie e le operazioni di attacco e ricognizione (Information Superiority). Lo Stormo assicura inoltre l'addestramento operativo dei piloti e la standardizzazione delle procedure d'impiego per la linea AMX e, dal 18 gennaio 2017, fornisce supporto tecnico logistico alla cellula di allarme composta da velivoli Eurofighter rischierati ad Istrana con compiti di Difesa Aerea.

ALTRE DALLA CATEGORIA

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.