Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
Skip Navigation Links Comunicazione > Notizie > NATO Air Policing, Romania: primo scramble per gli Eurofighter italiani
NATO Air Policing, Romania: primo scramble per gli Eurofighter italiani
13/06/2019
Task Force Air 4° Stormo - Costanza (Romania)
Ten. Orsola Santoro

Nella tarda mattinata di oggi, giovedi 13 giugno, due caccia F-2000 Eurofighter italiani della Task Force Air 4th Wing, rischierati a Mihail Kogalniceanu in Romania nell'ambito della missione NATO Enhanced Air Policing, si sono alzati in volo a seguito di un ordine di decollo rapido – in gergo tecnico "Scramble" – pervenuto dal CAOC (Combined Air Operation Centre) di Torrejon in Spagna.

 

Si tratta del primo "scramble" operativo per i velivoli caccia intercettori italiani impegnati nell'operazione "Black Shield" in Romania. L'attivazione della cellula di Quick Reaction Alert (Q.R.A) è stata richiesta in quanto i velivoli non identificati di nazionalità russa erano entrati nell'area di competenza degli enti del controllo del traffico aereo rumeno (FIR – Flight Information Region) e, in considerazione della rotta mantenuta, avrebbero potuto potenzialmente interessare lo spazio aereo dell'Alleanza. Gli Eurofighter italiani, come previsto dalle procedure NATO, hanno raggiunto l'area interessata e sono rimasti in volo a protezione dello spazio aereo a largo delle coste rumene manovrando in circolo in una cosiddetta "Combat Air Patrol", pronti ad intervenire qualora il traffico sospetto avesse manifestato l'intenzione di entrare nello spazio aereo Rumeno. I velivoli sospetti sono rimasti al di fuori dello Spazio Aereo Rumeno, così che i due caccia italiani sono stati autorizzati a fare rientro in base una volta cessata l'esigenza operativa.

 

Lo scramble è proprio l'attività operativa che consiste nel far decollare rapidamente velivoli caccia con lo scopo di intercettare ed identificare aeromobili sconosciuti che violano lo spazio aereo dell'Alleanza che possano, in qualche modo, rappresentare una minaccia alla sicurezza dei cieli da qualsiasi potenziale intrusione non autorizzata.

 

La Task Force Air 4th Wing sta contribuendo, congiuntamente alla Fortaele Aeriene Romane (la forza aerea rumena) ad assicurare, dai primi di maggio, l'integrità dello spazio aereo della Romania, nell'ambito della missione NATO di Enhanced Air Policing, dimostrando prontezza e garantendo uno strumento di deterrenza per l'Alleanza.

 

Con l'Operazione NATO Enhanced Air Policing "Black Shield", la Task Force Air 4th Wing contribuirà a garantire l'integrità dello spazio aereo della Romania, rafforzando l'attività di sorveglianza normalmente svolta dai MiG-21 della Forṱele Aeriene Romậne, con un dispositivo di difesa integrato con i velivoli Eurofighter, provenienti dal 4°, 36° e 37° Stormo.

ALTRE DALLA CATEGORIA

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.