Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
Skip Navigation Links Comunicazione > Notizie > I Fucilieri dell'Aria paracadutisti si addestrano con l'USAFE
I Fucilieri dell'Aria paracadutisti si addestrano con l'USAFE
10/08/2017
16° Stormo - Martina Franca (TA)
Cap. Massimo Battista

Giovedì 10 agosto, una compagnia di Fucilieri dell'Aria del 16° Stormo "Protezione delle Forze" di Martina Franca (Ta), ha effettuato un'attività di lancio con paracadute sull'aeroporto militare di Rivolto (Ud).

L'esercitazione, riservata alla compagnia Fucilieri paracadutisti, ha visto il personale lanciarsi da un velivolo C-130J della United States Air Force in Europe (USAFE), decollato da Aviano (Pn), assieme ai colleghi del 57th Rescue Squadron, unità di Extraction Force USAF attualmente di stanza a Lakenheath (Regno Unito) ma che si trasferirà proprio ad Aviano nel corso del 2018.

L'attività di lancio con paracadute "con fune di vincolo" è stata preceduta da una sessione di "ricondizionamento" all'aviolancio, che i Fucilieri hanno seguito presso il Centro Addestramento al Paracadutismo (CAPAR) dell'Esercito di Pisa, abilitato a rilasciare le qualifiche di paracadutista militare. In tale ambito, sono state ribadite le tecniche per operare in sicurezza nelle varie fasi che contraddistinguono il lancio, dalla vestizione all'imbarco sul velivolo militare, dall'uscita dal velivolo all'atterraggio. L'evento si è concluso con successo, e ha permesso di applicare le conoscenze acquisite dal personale durante gli intensi addestramenti propedeutici effettuati.

Gli aviolanci effettuati dalla compagnia paracadutisti del Battaglione Fucilieri dell'Aria si inseriscono nell'ambito della attività addestrative collegate alla capacità di Extraction Force, che garantisce la possibilità di recupero di personale eventualmente isolato, in contesti particolarmente critici.

Il 16° Stormo "Protezione delle Forze" ha il compito di garantire, attraverso il Battaglione Fucilieri dell'Aria, la sicurezza e la protezione terrestre al personale, ai mezzi e materiali, nonché a installazioni e infrastrutture di particolare interesse per la Forza Armata, sia in ambito nazionale che internazionale.

Il Battaglione Fucilieri dell'Aria si appresta ad acquisire le capacità di Extraction Force, tesa ad assicurare il recupero di personale isolato in contesti operativi particolarmente critici, e di Slow Mover Interceptor Operator (SMIO), volta a contrastare la minaccia degli Slow Movers ad opera degli assetti A.M. nell'ambito di NO-FLY ZONE appositamente istituite.  

Il Joint Terminal Attack Controller (JTAC) è inoltre una capacità già consolidata dei Fucilieri dell'Aria, che consente di interagire con piattaforme aeree, navali e terrestri, dirigendo il supporto aereo a favore delle unità amiche operanti sul terreno. Un'attività che può essere svolta da posizioni avanzate, anche in territorio ostile. 

ALTRE DALLA CATEGORIA

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.