Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
Skip Navigation Links Comunicazione > Notizie > Islanda: la TFA 32nd Wing raggiunge la Full Operational Capability
Islanda: la TFA 32nd Wing raggiunge la Full Operational Capability
05/10/2019
Ufficio Pubblica Informazione - Roma
Magg. Andrea Colotti

Dopo un iniziale periodo di ambientamento, ma con ben 2 giorni di anticipo rispetto a quanto pianificato, la Task Force Air 32nd Wing ha raggiunto la completa capacità operativa, la cosiddetta Full Operational Capability (FOC), della missione, ottenendo così dalla NATO la certificazione utile a garantire la sicurezza dei cieli in Islanda nell'ambito delle operazioni di Air Policing.

Il Tenente Colonnello Wilhelm May, a capo del team di valutatori della NATO proveniente dal CAOC di Uedem, ha consegnato al Comandante della Task Force Air, Colonnello Stefano Spreafico, la certificazione della FOC, dando così ufficialmente avvio all'operazione "Northern Lightning".

"Sono molto orgoglioso del risultato raggiunto." - ha riferito il Comandante dalla TFA - "Siamo stati in grado di raggiungere questo importante traguardo con due giorni di anticipo sulla tabella di marcia prevista e ciò è stato possibile grazie ad un fantastico lavoro di squadra di tutto il personale della Task Force e grazie al grande supporto del team del CAOC di Uedem e dei nostri ospiti islandesi".

L'importante traguardo raggiunto è stato formalizzato da una cerimonia che si e poi conclusa con un alzabandiera solenne, dove è stata issata la bandiera della NATO, consegnata al Comandante della TFA, dal Vice Comandante del Comando Aereo Alleato (AIRCOM), il Lieutenant General Pascal Delerce.

"Per la prima volta un caccia di quinta generazione, l'F-35, sarà impiegato dalla NATO per salvaguardare lo spazio aereo dell'Alleanza in una operazione di Air Policing  - il Vice Comandante di AIRCOM nel suo intervento - Rappresenta un grande passo verso l'integrazione dei moderni aerei da combattimento nelle missioni alleate, dimostrando la capacità dell'Alleanza di guardare al futuro, integrando le nuove tecnologie".

A suggellare l'importante evento, che ha visto l'Italia essere il primo Paese dell'Alleanza ad impiegare un assetto F-35 in una operazione NATO, hanno presenziato il Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Enzo Vecciarelli ed il Capo di Stato Maggiore dell'Aeronautica Militare, Generale di Squadra Aerea Alberto Rosso.

"Oggi, con il raggiungimento della Full Operational Capability da parte della Task Force Air 32nd Wing – le parole del Generale Vecciarelli - rinnoviamo il nostro impegno nel contribuire attivamente alla difesa collettiva. Abbiamo deciso di contribuire alle attività di Air Policing con le nostre risorse più avanzate. Nelle prossime settimane gli F-35 A dell'Aeronautica Mlitare, per la prima volta sotto il comando e il controllo del Comando Aereo Alleato, garantiranno la sicurezza dello spazio aereo Islandese e dell'Alleanza, in una importante porzione strategica della regione euro-atlantica".

La missione della TFA 32nd Wing ha come obiettivo quello di preservare l'integrità dello spazio aereo della NATO, rafforzando l'attività di sorveglianza dei cieli dell'Islanda che non possiede capacità e strutture per la difesa aerea autonoma.

L'Aeronautica Militare italiana partecipa all'operazione di Air Policing in Islanda con sei velivoli F-35A. Piloti, controllori della Difesa Aerea, personale tecnico, logistico e della Force Protection assicureranno il Servizio di Sorveglianza dello spazio aereo islandese per tre settimane, conducendo, nel frattempo, attività addestrativa congiunta con il personale della Icelandic Coast Guard.

L'attività di Air Policing è condotta sin dal tempo di pace e consiste nella continua sorveglianza dell'integrità dello spazio aereo della NATO nonché nell'identificazione di eventuali sue violazioni all'integrità, dinnanzi alle quali devono scattare appropriate azioni di contrasto, come, ad esempio, il decollo rapido di velivoli caccia intercettori, che in termini tecnici è definito scramble.

L'Air Policing viene svolta nell'ambito dell'area di responsabilità del Comando Operativo Alleato della NATO (Allied Command Operation - ACO) di stanza a Bruxelles e viene coordinata dal Comando Aereo (AIRCOM) di Ramstein (GER).

ALTRE DALLA CATEGORIA

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.