Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
Skip Navigation Links Comunicazione > Notizie > Il Direttore del Personale Militare dell’Aeronautica nei Teatri Operativi
Il Direttore del Personale Militare dell’Aeronautica nei Teatri Operativi
11/04/2017
DIPMA
DIPMA

Nel periodo 20-31 Marzo, il Generale di Squadra Aerea Umberto Baldi, Direttore della Direzione per l'Impiego del Personale dell'Aeronautica Militare (DIPMA), ha effettuato una visita conoscitiva ai contingenti A.M. impiegati nelle Operazioni Fuori dei Confini Nazionali.

Il Generale Baldi, accompagnato da una delegazione della DIPMA, dal Capo del Servizio Sanitario del Comando Logistico, Generale Ispettore Domenico Abbenante, e dal Comandante del 3° Stormo di Villafranca di Verona (VR). Colonnello Pietro Spagnoli, ha voluto prendere coscienza delle realtà che caratterizzano le principali Task Force dell'Aeronautica Militare ed incontrare direttamente le donne e gli uomini impegnati in tali contesti.

La visita ha avuto inizio dalla Base Militare Italiana di Supporto (BMIS) in Gibuti, che fornisce supporto logistico ai Contingenti nazionali che operano nell'area del Corno d'Africa e nell'Oceano Indiano, dove la Delegazione, accolta dal Comandante della Base, Colonnello Gianni Spaziani, ha incontrato il Capo della Missione Italiana di Addestramento Somalia (MIADIT 7), Colonnello dei Carabinieri Mauro Isidori e i militari A.M. della Base. 

Il giorno 23 Marzo, la delegazione ha fatto tappa presso la Task Force Air (TFA) di Al Minhad (EAU), l'unità che garantisce l'afflusso di personale, di mezzi e di materiali diretti ai contingenti nazionali nei Teatri di Operazione (Afghanistan, Kuwait, Iraq e Somalia), mantenendo l'efficienza dei velivoli e dei mezzi tecnici impiegati per il trasporto ed assicurando evacuazioni mediche (MEDEVAC). Ricevuto dal Comandante della Task Force Air, Colonnello Daniele De Cesari, Il Generale Baldi, dopo aver presieduto la cerimonia dell'Alzabandiera, ha avuto l'opportunità di visitare la base ed incontrare il personale del contingente italiano rischierato negli EAU.

Durante la permanenza negli Emirati, il Capo delegazione, accompagnato dal Generale di Brigata Vincenzo Romano, Addetto per la Difesa negli EAU presso l'Ambasciata d'Italia, ha incontrato S.E. Liborio Stellino, Ambasciatore d'Italia ad Abu Dhabi.

Successivamente, la delegazione ha visitato la base di Herat, dove è stata ricevuta dal Generale di Brigata Claudio Minghetti, Comandante del Train Advise Assist Command West, e dal Col. Luca Tonello, Comandante della Joint Air Task Force (JATF) l'unità che gestisce l'aeroporto nonché tutti gli assetti dell'A.M. nel Teatro Operativo attraverso l'Airfield Management Task Group (responsabile del Servizio Antincendio, del Servizio di Controllo del Traffico Aereo, del Servizio Meteo, della Sicurezza Volo e della Manutenzione alle Radioassistenze per l'Aeronavigazione). La visita si è conclusa con un incontro con tutto il personale dell'Aeronautica Militare impiegato presso il Comando.

La delegazione, infine, ha visitato il contingente nazionale che opera tra il Kuwait e l'Iraq nell'ambito della coalizione anti DAESH (che attualmente annovera 65 Paesi e 3 Organizzazioni internazionali). Durante la permanenza presso l'Italian National Contingent Command Kuwait (IT NCC/TFA), la delegazione accompagnata dal Capo RAMI in Kuwait, Colonnello Federico Giannitrapani, e dal Comandante della Task Force Air, Colonnello Gianluca Chiriatti, ha potuto visitare le diverse sedi su cui operano le articolazioni della TFA ed i relativi Task Group, il contingente italiano presente su Camp Arifjan, nonché le principali infrastrutture, tra cui quella sanitaria americana denominata "Role 3".

In Kuwait, il Capo delegazione ha incontrato l'Ambasciatore d'Italia, S.E. Giuseppe Scognamiglio, e il giorno 28 marzo ha presieduto – alla presenza di tutto il personale italiano colà rischierato - la cerimonia solenne in occasione del 94° Anniversario della Forza Armata.

Le visite effettuate hanno consentito di prendere contatto con le realtà A.M. impegnate nelle complesse operazioni al di fuori dei confini nazionali e, attraverso colloqui diretti e mirati, hanno permesso di individuare opportunità e criticità connesse alle esigenze operative che, in tali contesti, risultano in continua evoluzione.

 

 

ALTRE DALLA CATEGORIA

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.