Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
Skip Navigation Links Comunicazione > Notizie > Gli Emirati Arabi uniti in visita al 61° Stormo
Gli Emirati Arabi uniti in visita al 61° Stormo
11/04/2019
61° Stormo - Galatina (Le)
1° M.llo Giuseppe Vernaglione

Lunedì 11 marzo, una delegazione dell'United Arab Emirates Air Force (UAEAF), l'Aeronautica Militare degli Emirati Arabi Uniti, ha fatto tappa alla base aerea di Galatina con l'obiettivo di osservare da vicino le potenzialità dell'offerta formativa italiana e il sistema integrato legato al velivolo T-346A.

Dopo la presentazione del reparto, tenuta dal colonnello Alberto Surace, Comandante del 61° Stormo, si è svolta la visita al Ground Based Training System, l'infrastruttura che ospita il comparto dell'addestramento avanzato. Qui gli ospiti hanno evidenziato un notevole interesse verso il sistema di formazione del pilota militare, e in particolare nei riguardi del potenziamento dell'offerta addestrativa che è derivato dalla nascita dell'International Flight Training School (IFTS) su cui, nel corso della giornata, il colonnello Luigi Casali, in rappresentanza del Comando Scuole AM, ha tenuto un briefing. 

Gli ufficiali emiratini hanno poi potuto apprezzare i punti di forza del T-346A, non solo un velivolo, ma un sistema integrato, e tecnologicamente all'avanguardia, che presenta tutte le caratteristiche ideali per insegnare a volare ai futuri piloti di caccia di ultima generazione.

La scuola di volo salentina, dal 1946 punto focale nella formazione professionale del pilota militare, dipende dal Comando Scuole A.M./3ª Regione Aerea di Bari ed ha il compito di provvedere all'addestramento al volo su aviogetti. Attualmente il 61° Stormo ospita personale navigante proveniente da ben otto nazioni straniere tra cui Stati Uniti, Spagna e Francia. Dal prossimo anno è previsto il phase-in del nuovissimo sistema integrato basato sul velivolo M-345 HET – High Efficiency Trainer (T-345 nella terminologia militare) che andrà a sostituire gradualmente le ormai obsolete flotte T-339A (utilizzato per la Fase II) e FT-339C (utilizzato per la Fase III).

ALTRE DALLA CATEGORIA

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.