Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
Skip Navigation Links Comunicazione > Notizie > Cambio al vertice del Comando Aeronautica Militare e del Ruolo delle Armi
Cambio al vertice del Comando Aeronautica Militare e del Ruolo delle Armi
19/12/2016
Comando Aeronautica Militare - Roma
Cap. Vittorio Manzoni

​​Lunedì 19 dicembre, presso l'Aeroporto Militare “F. Baracca" di Centocelle (RM), ha avuto luogo, alla presenza del Capo di Stato Maggiore dell'Aeronautica, Generale di Squadra Aerea Enzo Vecciarelli, la cerimonia di avvicendamento tra il Generale di Divisione Massimo Berti ed il Generale di Divisione Giorgio Baldacci, nell’incarico di Generale del Ruolo delle Armi, e tra lo stesso Generale Berti ed il Generale di Brigata Francesco Cannillo, subentrante nell’incarico di Comandante del Comando Aeronautica Militare Roma (COMAER). 

Alla cerimonia hanno preso parte numerose autorità militari e civili oltre ad una nutrita rappresentanza del personale del Ruolo, del ComAer e degli Enti dipendenti. A conferire maggiore lustro e solennità all'evento i Labari delle Associazioni Combattentistiche e d'Arma, i Gonfaloni della Regione Lazio e della Città Metropolitana di Roma Capitale, quest’ultimo decorato di Medaglia d'Oro al Valor Militare, nonchè il T.Col. Gianfranco Paglia, anch'egli decorato di Medaglia d'Oro al Valor Militare. 

Nel suo intervento di saluto, il Generale Berti, dopo aver ringraziato tutti i presenti ha rivolto un affettuoso saluto ai suoi colleghi del Corso Nibbio 3° con i quali 44 anni fa iniziò la propria personale “avventura” in Forza Armata: ”Oggi giungo al termine del mio cammino professionale iniziato indossando le stellette il 13 maggio del 1969 con l’ingresso nella Scuola Militare della Nunziatella e proseguito con l’ingresso in Accademia il 18 ottobre del 1972. Sono oltre 47 anni, dei quali 44 nella nostra F.A., alla quale desidero esprimere la mia più sentita e profonda riconoscenza e gratitudine per le bellissime esperienze che mi ha consentito di effettuare, facendomi crescere professionalmente ed umanamente.”
Il Generale Berti ha poi ringraziato tutto il personale del COMAER e degli Enti Dipendenti per la trasparenza, la professionalità ed l'abnegazione con cui ha operato sotto il suo comando: “Grazie a tutti voi per quello che avete fatto e per come lo avete fatto!”. 

Facendo un bilancio delle attività svolte si è soffermato sulla recente rilocazione del Segretariato Generale della Difesa sul sedime di  Centocelle ed in parte su Palazzo Aeronautica, concretizzatasi senza impatti sull'utenza generale delle due sedi, grazie anche alla positiva sinergia sviluppata con RAMDIFE, e allo stesso Generale Carlo Magrassi, Segretario Generale della Difesa, che si è spesso impegnato in prima persona per il conseguimento di questo prioritario obiettivo. Infine il Comandante uscente del COMAER ha posto l'accento sul recente decreto del Ministro della Difesa che assegna proprio al Comando Aeronautica Militare Roma il compito di fornire il supporto tecnico, organizzativo e logistico al Segretariato Generale della Difesa nelle due sedi di Centocelle e palazzo A.M., identificando in questa una delle future sfide dell'Ente. 

Nell'incarico di Generale del Ruolo delle Armi, il Generale Berti ha voluto affidare un messaggio agli Ufficiali del Ruolo: “Siate dei Comandanti, improntate la vostra attività alla correttezza, alla coerenza ed alla dignità del Ruolo che ricoprite nella nostra Organizzazione, ispirandovi a quanti, con dedizione e spirito di sacrificio hanno servito l’Aeronautica Militare. Cercate sempre di proporvi, di farvi trovare professionalmente pronti per svolgere attività di comando ad ogni livello gerarchico”. 

Il Generale Cannillo, dopo aver ringraziato tutti gli intervenuti ed aver rivolto un deferente saluto alle Medaglie d'Oro presenti, nel ricordare la mission del Comando Aeronautica Militare Roma a garantire, anche per il tramite degli Enti dipendenti, l’efficacia operativa degli Enti Interforze e di Forza Armata dislocati nei sedimi di Palazzo Aeronautica e degli AeroportI di Centocelle e di Vigna di Valle, ha sottolineato, rivolgendosi al Signor Capo di Stato Maggiore, come il suo impegno, quale Comandante del COMAER, sarà orientato a rendere sempre più coesa la compagine affidatagli, sempre più al servizio della comunità interforze e del sistema paese. Rivolgendosi, inoltre, alle autorità interforze presenti ha detto: “alla prestigiosa componente interforze, qui autorevolmente rappresentata, garantisco continuità ed impulso a quell’azione di generoso sostegno logistico tale da assicurare la piena espressione della vostra operatività”. 

Il Gen. Baldacci, dopo aver anch'egli ringraziato tutti i presenti e significato la singolare importanza che la presenza dei due “nastri azzurri” conferisce alla cerimonia odierna ha, dopo aver ripercorso la sua lunga carriera, espresso la sua soddisfazione per essere arrivato al vertice del Ruolo. Ha citato il famoso apologo di Menenio Agrippa al fine di comprendere l'ampiezza di intervento e l'importanza risolutiva che ricopre oggi il Ruolo delle Armi e che, ancora di più, ricoprirà nell'Aeronautica 4.0: “non si tratta dunque di definire in modo drastico o dinastico chi è senato o popolo, stomaco o braccia ma, in primo luogo, riconoscere il prezioso ruolo svolto da ciascuno, nel concorrere e collaborare alla vita e alla salute dello stesso corpo cui si appartiene”. 

Il Capo di Stato Maggiore, nel suo intervento, ha ripercorso la storia del Ruolo dagli anni ’90 in poi nel quadro della riorganizzazione della Forza Armata: ”Noi facciamo parte di una learning organization, a noi piace imparare dalle lezioni apprese nel corso della nostra operatività, prendere spunto dall’intelligenza dei nostri uomini”, ricordando la recente iniziativa della “palestra del pensiero” lanciata come stimolo a tutto il personale della Forza Armata. A conclusione del suo intervento il Generale Vecciarelli ha rivolto il suo caloroso saluto al Generale Berti per i 44 anni di carriera prestati con dedizione al servizio del Paese. 

Il Comando Aeronautica Militare Roma” (COMAER) è stato costituito il primo marzo 1999, data che per l’Aeronautica Militare  segna anche il passaggio da una struttura “territoriale” ad una di tipo “funzionale”. Il COMAER assicura il supporto tecnico-logistico e amministrativo agli enti di F.A. ed a quelli interforze ubicati nel comprensorio di Palazzo Aeronautica, del sedime dell’Aeroporto di Centocelle tra i quali, recentemente, anche il Segretariato Generale della Difesa, e del Comando Aeroporto Vigna di Valle–Centro Storiografico e Sportivo A.M.. Garantisce le funzioni territoriali e di collegamento con gli Enti e le Amministrazioni presenti nell’area della Capitale ed assolve le funzioni di Presidio Aeronautico previste dalla normativa di settore. 

Con il Decreto Legislativo 30 dicembre 1997 n. 490 fu sancita la nascita del Ruolo delle Armi. Il Generale del Ruolo delle Armi nell’espletamento delle sue funzioni è coadiuvato dal proprio Ufficio il quale, tra i compiti principali,  provvede a studiare e proporre provvedimenti nel settore del reclutamento e dei profili d'impiego del personale del Ruolo delle Armi, a concorrere nella definizione dell'iter formativo del personale del Ruolo, a curare e promuovere la pubblicazione e la diffusione di studi, conferenze e monografie tecniche di specifico interesse aeronautico.

ALTRE DALLA CATEGORIA

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.