Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
Skip Navigation Links Comunicazione > Notizie > Al via presso il 2° Stormo il Corso A.P.R.O.C. 2017
Al via presso il 2° Stormo il Corso A.P.R.O.C. 2017
14/06/2017
2° Stormo - Rivolto
Cap. Giovanni Lopresti

​È partito il 14 giugno l’Air Centric Personnel Recovery Operatives Course (APROC), attività che ogni anno addestra e qualifica il personale militare nel personnel recovery, cioè recupero di personale militare e civile in ambiente ostile o non permissivo.

Obiettivo del corso è di migliorare e standardizzare le procedure di personnel recovery nel quadro della difesa comune europea.

L'iniziativa, a prendono parte militari di Belgio, Francia, Germania, Italia, Olanda, Regno Unito e Spagna, si tiene presso l’aeroporto di Rivolto (UD), sede del 2° Stormo dell’Aeronautica Militare.

Si tratta dell’unico evento addestrativo di questo tipo in Europa per l’anno 2017.

L'attività è organizzata dal European Personnel Recovery Centre (EPRC), il comando militare multinazionale che le 7 Nazioni impegnate nel corso hanno istituito nel 2015 con sede nella base aeronautica di Poggio Renatico (FE). 

Sono ben 450 i militari dei Paesi interessati hanno raggiunto l’aeroporto di Rivolto per dar vita al corso.

Dopo due giornate di insegnamenti teorici (academics), sarà dato il via alle fasi di addestramento sul territorio del Friuli Venezia Giulia e del Veneto attraverso la creazione di scenari di complessità crescente che siano aderenti alle reali condizioni a cui gli operatori potrebbero dover fronteggiare in futuro. In tale logica si inserisce la partecipazione di velivoli AMX (51° Stormo di Istrana), Tornado (6° Stormo Ghedi) ed Eurofighter2000 (4° Stormo Grosseto).

Le forze di terra si dislocheranno in aree predeterminate del triveneto per interpretare il ruolo degli “ostili” rispetto all’attività di recupero vera e propria che verrà invece condotta dagli equipaggi di bordo degli elicotteri partecipanti.

Tutte le operazioni partiranno dalla sede del 2° Stormo, chiamato per l’occasione a fornire il supporto operativo e logistico per il corretto svolgimento delle attività.

Oltre alle aree di recupero del personale, denominate pick-up zones (PUZ), verranno impiegati anche altri sedimi per l’allestimento dei Forward Arming and Refuelling Point (FARP), in cui gli elicotteri potranno fare scalo per il rifornimento durante le operazioni, ampliando in tal modo il proprio raggio d’azione.

Se per i FARP, allestiti con il supporto degli specialisti dell’Aeronautica Militare provenienti dal 3° Stormo di Villafranca, si è optato per sedimi militari o aviosuperfici civili, per le PUZ si è invece prestato attenzione ad individuare zone lontane dai centri abitati, in modo da minimizzare i possibili impatti sulle popolazioni locali.

Nella stessa logica si inquadra la decisione di limitare l’attività di volo quotidiana ad una finestra di sole due ore nella fascia pomeridiana, illustrata alle istituzioni territoriali in una serie di incontri che hanno preceduto l’inizio dell’attività.

Questi gli assetti ad ala rotante che partecipano al corso:
- 2 HH101, 2 HH139 e 1 HH212 dell’Aeronautica Militare (15° Stormo Cervia);
- 1 EH101 e 1 SH90 della Marina Militare (Stazione Elicotteri MM si Sarzana);
- 2 MI24 HIND e 2 W-3 polacchi;
- 2 AS550 FENNEC e 2 AS725 CARACAL francesi.

Le attività comprenderanno un arco temporale di due settimane, terminando il 28 giugno con il rientro dei partecipanti ai Reparti di provenienza.
Per gli uomini e le donne del 2° Stormo APROC 2017 costituisce un’opportunità di addestramento nell’attività di supporto ad altre realtà operative, come spesso accaduto negli ultimi anni e come quotidianamente avviene nei confronti dell’attività di volo del 313° Gruppo Addestramento Acrobatico “Frecce Tricolori”, che ha sede proprio sull’aeroporto di Rivolto.

 Leggi la notizia sul sito dello Stato Maggiore della Difesa

 Ascolta il servizio del GR Rai Friuli Venezia Giulia

ALTRE DALLA CATEGORIA

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.