Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
Skip Navigation Links Comunicazione > Notizie > Sardegna: il P.I.S.Q. nuova frontiera della propulsione aerospaziale
Sardegna: il P.I.S.Q. nuova frontiera della propulsione aerospaziale
29/01/2020
Poligono Interforze del Salto di Quirra
Mercoledì, 29 gennaio è stato presentato presso Villa Devoto a Cagliari, il Progetto “Space Propulsion Test Facility (S.P.T.F.), finanziato da Avio-Group s.p.a in collaborazione con il Ministero dello Sviluppo Economico (M.I.S.E.) e la Regione Autonoma della Sardegna (R.A.S.).

Il progetto prevede la costruzione di un banco di prova per motori a liquido (denominato L.R.E. Liquid Rocket Engines) e di un impianto per la realizzazione di componenti in carbon-carbon (denominato C-C). Il banco di prova L.R.E. è destinato all'esecuzione di test per lo sviluppo e la qualifica di motori spaziali e componenti di motori spaziali a propulsione liquida. Si tratta di motori alimentati da propellenti criogenici ad alto contenuto tecnologico e di innovazione. L'impianto C-C è dedicato alla realizzazione di componenti usati all'interno degli ugelli propulsivi di motori a propellente solido, sempre per motori spaziali. 

L’intervento insiste su una superficie di 66.500 m² presso il Poligono Sperimentale e di Addestramento Interforze di Salto di Quirra (P.I.S.Q.) attraverso la concessione per l’uso esclusivo e temporaneo di un’area militare conosciuta come “Sa Figu” posta all’interno del demanio Ministero Difesa del poligono. E’ solo grazie a questo accordo firmato nel 2019 che AVIO spa ha potuto individuare un luogo idoneo nel rispetto dei requisiti di sicurezza e ambientali.

“Oggi siamo qui per testimoniare l’importanza di un progetto, come quello dello Space Propulsion Test Facilities che nasce da una forte sinergia tra la Difesa, l’industria nazionale e le istituzioni locali – ha dichiarato il Comandante del P.I.S.Q. – Generale di Brigata Aerea Michele Oballa . Un progetto di altissimo valore tecnologico, che punta a sviluppare – nel pieno rispetto degli standard ambientali – significative finalità nel campo della ricerca, che potranno essere utili per lo sviluppo di motori spaziali e componenti a propulsione liquida, ma potenzialmente anche per numerose applicazioni in campo civile, nonché interessanti ricadute in termini occupazionali. Tutto questo a conferma di quanto il P.I.S.Q. costituisca un potenziale importante ed una risorsa strategica per il territorio stesso e per l’intera Regione”.
ALTRE DALLA CATEGORIA

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.