Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
Skip Navigation Links Comunicazione > Notizie > Al via la campagna Blazing Shield a China Lake
Al via la campagna Blazing Shield a China Lake
23/02/2018
Ten. Col. Nicola Minichini
RAV China Lake - California (USA)
Il 20 febbraio è stata avviata ufficialmente presso la Naval Air Weapons Station (NAWS) China Lake la fase di volo della campagna Blazing Shield, una delle più complesse e significative operazioni organizzate oltre oceano dall’Aeronautica Militare nell’ultimo decennio.

Gli assetti aerei coinvolti nella campagna sono quattro Tornado ECR, provenienti dal 6° Stormo di Ghedi, quattro Eurofighter Typhoon del 4°, 36° e 37° Stormo ed un C-27J Spartan della 46^ Brigata Aerea di Pisa, giunti presso la Base di China Lake dopo una trasvolata oceanica che ha toccato anche l’Aeroporto di Lajes, nelle Azzorre, e quello di Portsmouth, nel New Hampshire. A supporto della traversata sono stati utilizzati i tanker KC-767A del 14° Stormo ed un C-130J della 46^ Brigata Aerea, in funzione di SAR oceanico per le tratte sul mare.

Un consistente ponte aereo dall’Italia agli Stati Uniti, nel corso dell’ultima settimana, ha infine permesso di trasferire gli uomini, i mezzi ed i materiali necessari a supportare tutte le operazioni di volo dei prossimi due mesi.

Al fine di garantire la necessaria operatività alla Blazing Shield è stato costituito un apposito Reparto Autonomo di Volo (RAV), alla guida del Colonnello Marco Bertoli del Comando delle Forze da Combattimento, composto da più di 220 militari provenienti da diversi Enti dell’Aeronautica Militare in seno allo Stato Maggiore, al Comando Squadra Aerea ed al Comando Logistico. 

Con la Blazing Shield, l’Aeronautica Militare condurrà un’attività di Operational Test & Evaluation (OT&E), attraverso un team congiunto dei Reparti della Forza Armata a guida del Reparto Sperimentale di Volo (RSV), sul binomio costituito dal nuovo AARGM (Advanced Anti Radiation Guided Missile) e dal velivolo Tornado ECR, prevedendo anche due eventi di live fire. Oltre a questo importante obiettivo, l’occasione verrà sfruttata per validare e migliorare le capacità di autoprotezione delle piattaforme Eurofighter, Tornado e C-27J, al fine di ampliarne le capacità di impiego in tutti i teatri in cui verranno chiamate ad operare.
ALTRE DALLA CATEGORIA

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.