Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
Skip Navigation Links Comunicazione > Notizie > Blue Flag 2017: elevato il ritorno addestrativo per i Tornado italiani ad Ovda
Blue Flag 2017: elevato il ritorno addestrativo per i Tornado italiani ad Ovda
16/11/2017
Ufficio Pubblica Informazione
Cap. Simone Antonetti
Due Tornado Interdiction-Strike (IDS), due Tornado Electronic Combat Reconnaissance (ECR) e circa 80 militari tra piloti, navigatori, personale tecnico e logistico: questi i numeri della partecipazione dell'Aeronautica Militare all'esercitazione internazionale "Blue Flag 2017", giunta alla terza edizione in un crescendo di Nazioni ed assetti  partecipanti che hanno operato dalla Base Aerea di Ovda nel cuore del deserto del Negev.

All'esercitazione, oltre agli asseti israeliani ed italiani, hanno preso parte anche le Forze Aeree di USA, Germania, Francia, Grecia, India e Polonia.

I velivoli italiani hanno effettuato 58 sortite addestrative su un totale di oltre 800 missioni di volo.  In particolare, gli equipaggi del 6° Stormo si sono addestrati in uno scenario complesso, conducendo principalmente missioni "COMposite Air Operation" (COMAO) che hanno previsto attività di volo a bassa e bassissima quota (BBQ) operativa. Testate inoltre diverse tattiche e manovre evasive contro i sistemi Surface Air Missile (SAM) che hanno previsto l’impiego di contromisure elettromagnetiche.

Il Comandante delle Forze da Combattimento, Generale di Divisione Aerea Silvano Frigerio, ha visitato, in rappresentanza del Capo di SMA, il contingente italiano in occasione del Distinguished Visitors Day, unitamente all’Ambasciatore italiano presso Tel Aviv, SE Gianluigi Benedetti. Le Autorità sono state ricevute dal Capo di Stato Maggiore della Israeli Air Force, Gen. Amikam Norkin.

"Il ritorno addestrativo per i nostri equipaggi  è stato elevatissimo" ha dichiarato nell’occasione il Generale Frigerio. "Abbiamo avuto una preziosa opportunità per  condividere e mettere a fattor comune le esperienze nell’ottica di  un continuo  miglioramento, accrescendo nel contempo la capacità di operare in sinergia  con partner internazionali di altissimo livello; le opportunità che ci vengono concesse in queste tipologie di scenari ci permettono di acquisire familiarità in ambienti operativi differenti da quelli in cui siamo abituati ad addestrarci e fondamentali per il mantenimento delle capacità d’impiego”.

ALTRE DALLA CATEGORIA

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.