Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
Skip Navigation Links Comunicazione > Notizie > Kuwait: il Ministro della Difesa visita la Task Force Air
Kuwait: il Ministro della Difesa visita la Task Force Air
28/09/2020
IT NCC Air Kuwait
Cap. Giulio Finotti
Il Ministro della Difesa On. Lorenzo Guerini, accompagnato dal Capo di Stato Maggiore della Difesa Gen. S.A. Enzo Vecciarelli, ha visitato il 27 e 28 settembre scorso, il Contingente italiano schierato in Kuwait e in Iraq. Ad accoglierlo, all’arrivo ad Ali Al Salem Air Base, primo scalo del viaggio in Medio Oriente, l’Ambasciatore d’Italia in Kuwait S.E. Carlo Baldocci, il Comandante dell’IT NCC Air/TFA K (Italian National Contingent Command Air/ Task Force Air Kuwait) Col. Sergio Cavuoti, l’Addetto Militare per la Difesa Col. Vito Cracas e il Comandante della base aerea di Ali al Salem Brig. Gen. Fahad Al Douseri. 

Per il Ministro della Difesa, si tratta di un ritorno in Kuwait dopo la visita dello scorso mese di dicembre 2019, in uno scenario tuttavia sensibilmente cambiato a causa della pandemia globale che ha presentato sfide inedite per continuare ad assolvere la missione assegnata in condizioni di sicurezza e tutela della salute del personale.

Poco dopo l’atterraggio in terra kuwaitiana, domenica sera, il Ministro della Difesa ha incontrato tutto il personale militare della base aerea di Alì Al Salem ed una rappresentanza del Task Group Devil, rischierato ad Al Jaber, impegnati nella missione Internazionale “Inherent Resolve”, mirata a fronteggiare la crisi umanitaria in Iraq e contribuire alle operazioni della Coalizione per sconfiggere definitivamente il DAESH.

Il Paese è grato per l’importante ruolo che svolgete per il supporto alle operazioni in Iraq – ha affermato l’On. Guerini rivolgendosi al Colonnello Sergio Cavuoti e ai militari del Contingente Italiano – La partecipazione dell’Italia nelle missioni internazionali in questi anni ha contribuito, oltre al contrasto di conflitti, terrorismo e instabilità a consolidare l’immagine dell’Italia nell’ambito della comunità internazionale”. Ha poi aggiunto: “La mia presenza qui vuole essere un ringraziamento a voi e a tutte le Forze Armate Italiane per quello che fate nei teatri in cui siete impegnati, per  la competenza, la professionalità e la dedizione che quotidianamente dimostrate".

Dalle basi kuwaitiane l’Aeronautica Militare svolge attività di sorveglianza, ricognizione e raccolta dati con i velivoli Tornado e Predator. Con il KC 767 il contingente Italiano garantisce il rifornimento in volo degli assetti della Coalizione. 

La visita del Ministro della Difesa, On. Guerini, avviene pochi giorni dopo la ricorrenza dei 30 anni dal rischieramento di otto Tornado dell’Aeronautica Militare, riconfigurati per il deserto e con la nuova livrea color sabbia, che decollavano - il 25 settembre 1990 - dalla base di Gioia del Colle per raggiungere la base di Al-Dhafra, negli Emirati Arabi Uniti, come contributo nazionale all’operazione “Desert Storm”  che avrebbe legato, in maniera significativa, la storia del nostro Paese a quella del Kuwait. L’Operazione “Desert Storm” ebbe poi inizio tra il 17 e il 18 gennaio 1991 nell’ambito del complesso dispositivo di sicurezza messo in atto dal Consiglio di Sicurezza dell’ONU per liberare il Kuwait dall’invasione delle Forze Armate irachene del 2 agosto 1990.

Come da tradizione, nel corso della visita, il Ministro della Difesa ha firmato l’Albo d’Onore dell’Italian National Contingent Command Air/ Task Force Air Kuwait. Il 28 settembre, l’On. Guerini ha lasciato la base aerea di Ali al Salem per proseguire il suo viaggio istituzionale, prima a Kuwait City e poi alla volta dell’Iraq.
ALTRE DALLA CATEGORIA

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.