Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
Mostra Palazzo AM

"A la Chasse!" è il tradizionale brindisi della Caccia, e in effetti con questa mostra e il libro che l'accompagna l'Aeronautica Militare vuole "brindare" ai suoi cinque Gruppi che nel 2017 festeggiano i cento anni dalla loro costituzione. Un modo semplice per evocare un universo, una storia, comunicando delle emozioni o sintetizzando le attività meglio di tanti complicati giri di parole.

Quando si parla della Caccia, il pensiero corre subito a Francesco Baracca, Pier Ruggero Piccio, Fulco Ruffo di Calabria e ai loro colleghi "assi" della Prima Guerra Mondiale, ai biplani, alle sciarpe bianche svolazzanti e agli altri elementi del mito. Una storia bellissima, che si prolunga con la nascita della Regia Aeronautica, del 1° Stormo Caccia, delle pattuglie acrobatiche, fino alla lotta impari durante la Seconda Guerra Mondiale.

Tutto questo, e molto altro ancora, fa parte dell'identità, delle tradizioni e dei valori dell'Aeronautica Militare.

Soprattutto dei valori, ovvero ciò che determina le scelte per le quali si è disposti a mettersi in gioco fino in fondo. I valori sono al centro della vita degli uomini e – da oltre 15 anni – delle donne dell'Aeronautica Militare e spiegano il cammino che la Forza Armata ha fatto di pari passo con il Paese.

Un percorso all'insegna del progresso, della modernità, dello sviluppo di aeroplani (ma non solo!) e tecnologie, ma che ha trovato nelle persone, nella loro capacità di lavorare in gruppo per un medesimo scopo, il collante e l'energia per superare gli ostacoli e perseguire traguardi sempre più ambiziosi, con l'unico interesse di servire l'Italia. È proprio questa la forza che ha consentito all'Aeronautica Militare di rinnovarsi senza sosta, superando momenti difficili o nei quali tutto sembrava perduto.

Brindare alla Caccia non significa quindi elencare successi, né voler essere autoreferenziali, né escludere chi non vi appartenga. Significa, al contrario, spiegare la costante costruzione di una "competenza ambientale" come risorsa al servizio della Difesa Aerea e della Sicurezza dell'Italia, dei suoi cittadini, del suo territorio e dei suoi interessi. Significa spiegare cosa sono i valori costruiti, custoditi e difesi dai Gruppi e dagli Stormi e perché si possano considerare un filo conduttore tra un passato, un presente e un futuro solo all'apparenza diversi tra loro.

All'interno dell'esposizione sarà possibile "passeggiare" in una ricostruzione tridimensionale del nord-est italiano con al suo interno il fronte Italo–austriaco come era nel 1917. 

Si potranno, inoltre,  acquisire (in modo interattivo) tutte le informazioni sui 5 gruppi (IX, X, XII, XIII e XVIII) che nacquero cento anni fa.

In una seconda sala, ricavata all'interno della mostra, grazie a visori 3D di realtà virtuale, sarà possibile entrare nell'abitacolo dei più famosi caccia che hanno caratterizzato la storia dell'Aeronautica.

Completamente immersi all'interno dei cockpit si avrà la sensazione di sedere effettivamente ai comandi di questi velivoli, interagendo in prima persona con la strumentazione di bordo. 

Le nuove tecnologie 3D renderanno questa esperienza davvero più realistica di quanto possiate immaginare.

 

Buona visita e ... "A la Chasse!".

 

- Salone del libro di Torino: presentato il volume sui 100 anni della Caccia

- Inaugurata a Roma la mostra sui 100 anni della Caccia

 

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.