Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
PALAZZO AERONAUTICA

Palazzo Aeronautica, 1931-2021: note di storia e architettura nei novant’anni dalla costruzione

 

I novant’anni di Palazzo Aeronautica sono stati l’occasione per approfondire la conoscenza e comprensione di un passaggio dell’architettura tra il terzo e il quarto decennio del Novecento italiano, tenuto in scarsa considerazione dalla critica dal dopoguerra in avanti. Gli edifici costruiti o anche solo progettati in quegli anni su iniziativa della Regia Aeronautica, sono emblematici della traiettoria compiuta dall’architettura italiana dentro la vicenda del “Moderno”. Venute ormai meno le prevenzioni ideologiche che ne hanno determinato una sorta di “oblio” culturale, queste architetture meritano di essere attentamente studiate e comprese. È matura la consapevolezza che il “Moderno” nell’architettura del Novecento, come ribadito recentemente da Paolo Portoghesi, non può essere aggettivo esclusivo delle avanguardie del razionalismo europeo che propugnavano la tabula rasa con la tradizione. Il “Moderno” è invece nozione critica aperta, inclusiva, dentro la quale nel periodo decisivo del decennio ’30-’40 del Novecento, trovarono posto modi diversi di sentire e vivere la contemporaneità in architettura in rapporto con la tradizione e non necessariamente fuori da essa. Si pensi anzitutto al complesso Aeronautico di Castro Pretorio comprendente il grande palazzo ministeriale (1931), la Scuola di Guerra Aerea (1933), la caserma avieri di via dei Frentani (1933), l’Istituto di Medicina Legale (1936) ed il progettato e non realizzato edificio per uffici (1942); opere alle quali sovrintese l’ingegnere-architetto Roberto Marino. Si aggiungano le sedi delle zone aeree territoriali di Milano (1943) e Bari (1935), la Scuola di Guerra Aerea di Firenze (1938) capolavoro di Raffaello Fagnoni, la cittadella del volo di Guidonia con l’annesso aeroporto e la Direzione superiore di studi e ricerche (1937) e gli avveniristici hangar di Orvieto (1938) e Orbetello (1941) del grande Pierluigi Nervi. Avvicinandosi al suo centenario l’Aeronautica Militare ha portato un contributo di studio e attenta riflessione sull’architettura, del suo edificio più rappresentativo e iconico, Palazzo Aeronautica.

© Riproduzione riservata

 

Leggi l'articolo completo sulla Rivista Aeronautica n° 5 del 2021

 

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.