Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
60° STORMO

L’aeroporto di Guidonia, una delle prime scuole di volo del nostro Paese, nasce nel 1916 come Campo di Aviazione di Montecelio e viene intitolato al Ten. Col. Pil. Alfredo Barbieri caduto in combattimento nei cieli della Slovenia. Nel 1928, in onore del Generale Alessandro Guidoni, vittima di un incidente durante la sperimentazione di un paracadute, la cittadina sorta attorno all’aeroporto prende il nome di Guidonia, in un periodo in cui l’Italia primeggia in campo aeronautico anche grazie alle scoperte e ai record stabiliti dagli aviatori guidoniani. Di questa storia centenaria, però, noi vogliamo raccontarvi l’attualità dell’aeroporto, con la recente rinascita della “Fenice”, simbolo del 60° Stormo, che perpetua e consacra l’impegno nella formazione al volo di Guidonia. Ne abbiamo parlato, innanzitutto, con il nuovo Comandante, il Col. Pil. Giovanni Trebisonda, che dal 18 settembre scorso è alla guida degli uomini e delle donne del “Sessantesimo”. «Lo Stormo di Guidonia– ci dice il Col. Trebisonda – è una realtà unica all’interno della Forza Armata, l’unico Ente dell’Aeronautica Militare dove sono operativi alianti, aerei ad elica, jet e anche elicotteri come il TH-500B. Il Sessantesimo gestisce quotidianamente molteplici e variegate attività con un eccellente lavoro di squadra che pur premiando le individualità, ottiene i risultati migliori dall’impegno sinergico di tutti per realizzare gli obiettivi comuni». In questa direzione e secondo questo spirito, il core business dello Stormo, alle dirette dipendenze del Comando Scuole dell’Aeronautica Militare/3a Regione Aerea, è quello di garantire la formazione al volo su aliante degli allievi della Scuola Militare “Giulio Douhet” e dei piloti dell’Accademia Aeronautica, l’organizzazione e la gestione dei corsi di Cultura Aeronautica e l’attività di volo minima per i piloti che lavorano presso lo Stato Maggiore dell’Aeronautica.

© Riproduzione riservata

Leggi l'articolo completo sulla Rivista Aeronautica n° 6 del 2020

 

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.