Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
LAAD DEFENCE & SECURITY 2019

La Rivista Aeronautica mancava dal LAAD Defence and Security dal 2013. A distanza di tre edizioni, siamo tornati in Brasile per partecipare a quella che viene definita la più importante fiera su Difesa e Sicurezza dell’America Latina, e lo abbiamo fatto “in grande stile”, divenendo media partner dell’evento. Un evento, ci preme sottolinearlo, che ha registrato ancora più che in passato una forte crescita, soprattutto alla luce del nuovo corso politico nel Paese sudamericano, che promette interessanti investimenti per le forze di Difesa e Pubblica Sicurezza. Del resto, il ruolo strategico della rassegna brasiliana è stato sottolineato a più riprese da tutte le autorità che erano presenti a Riocentro, l’immenso complesso fieristico di Rio de Janeiro, nel giorno di inaugurazione del LAAD. Unanime la convinzione che l’evento biennale sia indispensabile per attirare investimenti e promuovere le imprese. L’industria della Difesa brasiliana ogni anno muove circa 95 miliardi di reais (24,5 miliardi di dollari), una cifra pari all’1,5% del PIL nazionale, avendo fatto registrare negli ultimi 12 anni un tasso medio di crescita del 5% e generando 60mila posti di lavoro diretti e 240mila indiretti. E i numeri della fiera confermano ampiamente questa tendenza: 38mila visitatori nei quattro giorni di svolgimento, oltre 450 espositori nazionali e internazionali, 195 delegazioni ufficiali da 80 Paesi diversi e 2.500 incontri d’affari. Nonostante ciò, comunque, il Brasile si troverebbe all’11° posto mondiale in tema di investimenti nel comparto Difesa, rappresentando meno del 2% della spesa militare complessiva, e al 7° posto per quanto riguarda il Sud America che, rapportato alle dimensioni e alla complessità del Paese, non è certo un buon risultato. Il vice Presidente del Brasile Hamilton Mourao, nel suo discorso inaugurale durante la cerimonia di apertura del LAAD, oltre a sottolineare l’importanza strategica del settore militare, ha auspicato fortemente che il nuovo ciclo di ammodernamento e rinnovamento dei sistemi d’arma e delle apparecchiature delle forze armate promosso dal Presidente Jair Bolsonaro, nei giorni del Salone impegnato in una visita ufficiale in Israele, possa contribuire alla ripresa economica del Paese sudamericano. Una maggiore attenzione, dunque, per i temi della Difesa, anche alla luce della necessità, evidenziata da tutti gli esponenti politici intervenuti alla Fiera, di rafforzare la cooperazione e le sinergie tra la sicurezza interna e le forze armate nazionali. Venendo ai temi che più ci interessano, anche questa dodicesima edizione del LAAD ha rappresentato una grande opportunità per la FAB (Força Aérea Brasileira) di presentare le proprie capacità di sviluppare e condurre progetti altamente tecnologici per contribuire alla crescita della base industriale della Difesa. L’aeronautica brasiliana, nel proprio stand, attraverso un grande schermo con menù, testi e video, ha dato l’opportunità al pubblico di conoscere nel dettaglio i propri progetti strategici, focalizzando l’attenzione sull’acquisizione del nuovo caccia F-39 Gripen NG, sul cargo multi-mission KC-390, il più grande aereo militare mai prodotto in Brasile, e sul PESE (Programa Estrategico de Sistemas Espaciales), che mira a stabilire una strategia per l’implementazione di sistemi di difesa spaziale con uso civile e militare condiviso.

 

© Riproduzione riservata

 

Leggi l'articolo completo sulla Rivista Aeronautica n° 2 del 2019

 

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.