Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
TASK GROUP TYPHOON

«In data 26 marzo 2019 il Task Group Typhoon avvicenda il Task Group Black Cats in seno all’Italian Nation Contingent Comand Air/Task Force Air Kuwait». Le parole del supplemento dell’ordine del giorno firmato dal Capo di Stato Maggiore dell’A.M., Gen. S.A. Alberto Rosso, sanciscono in modo ufficiale la fine della missione dei Black Cats nell’ambito della missione a supporto della Coalizione internazionale costituita dopo l’espansione e l’autoproclamazione dello Stato Islamico del califfo Al-Baghdadi in Iraq e in Siria. Dal 29 giugno 2014, infatti, una Coalition of Willing guidata dagli Stati Uniti ha deciso di rispondere alla richiesta di aiuto del rappresentante permanente dell’Iraq alle Nazioni Unite dando inizio, di fatto, all’Operazione Inherent Resolve per fornire alle forze irachene il supporto operativo nella lotta al Daesh, con l’obiettivo di rendere sicuri i confini, ristabilire la sovranità dello Stato e contribuire alla formazione di Forze Armate e di polizia locali. Il nostro Paese vi partecipa fin dalle prime fasi, inizialmente con operazioni di supporto umanitario, poi con un numero crescente di uomini e mezzi fino alla costituzione di “Prima Parthica” (il 14 ottobre 2014) che opera dal Kuwait per la componente aerea e da Erbil, in Iraq, per il segmento terrestre. A partire dal 2016 gli AMX del 51° Stormo hanno sostituito i Tornado di Ghedi nel settore del TACREC (TACtical REConnaissance). Da allora i Black Cats hanno incessantemente fornito il loro contributo alla Coalizione con oltre 6.000 ore di volo e più di 17mila punti di interesse ricogniti. «È senza dubbio un risultato decisamente positivo per tutta la linea – ha dichiarato il Comandante del Task Group Magg. Davide D. – frutto di un duro lavoro degli uomini e delle donne che ho avuto l’onore di comandare». Per il velivolo AMX si tratta di un momento storico: un risultato che si aggiunge ad un curriculum di tutto rilievo. Il “Ghibli”, partito con qualche difficoltà, si è affermato nel tempo e ha dimostrato, con i fatti, di essere un assetto pregiato ed efficace, che ha trascorso i due terzi della sua vita operativa fuori dai confini nazionali. Negli ultimi venti anni, infatti, gli AMX hanno “vissuto” ininterrottamente in operazioni reali: oltre 9mila ore in Afghanistan che si aggiungono, come detto, alle 6mila in Kuwait. Il carico di lavoro che è stato affidato ai velivoli rischierati ad Al Jaber, e i numeri lo dimostrano, è stato particolarmente impegnativo: la capacità di ricognizione, particolarmente pregiata, è infatti una delle pochissime nel suo genere a disposizione della Coalizione. Se da un lato le attività cinetiche (assicurate dagli assetti di altri Paesi tra cui Francia, Regno Unito e Stati Uniti) rappresentano il contributo “fisico” contro il Daesh, dall’altro le capacità ISR (Intelligence, Surveillance and Reconnaissance) garantiscono quella superiorità informativa che caratterizza tutte le operazioni contemporanee e che si concretizza nella conoscenza accurata dell’ambiente operativo per focalizzare gli sforzi in maniera mirata e ottenere quella che viene chiamata la “certezza degli effetti”. Ecco allora che il contributo alla conoscenza del battlefield diventa quanto mai fondamentale e non ci riferiamo solo alla semplice raccolta e disseminazione di prodotti aerofotografici o video. Si tratta della capacità di elaborare prodotti più complessi e completi; in poche parole, fare analisi. La peculiarità dell’impegno dell’A.M., infatti, sta proprio nella capacità di elaborare le informazioni e fornire strumenti fondamentali al processo decisionale. «Un contributo – ha voluto sottolineare il Comandante della Task Force Air Kuwait, Col. Nav. Mario Martorano, durante il suo discorso nella cerimonia di avvicendamento – che ha sempre ricevuto un convintissimo apprezzamento da parte degli alleati per la qualità del lavoro svolto e la professionalità dimostrata dal personale sia a terra che in volo».

 

© Riproduzione riservata

Leggi l'articolo completo sulla Rivista Aeronautica n° 2 del 2019

 

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.