Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
Rivista Aeronautica n. 3/2016

Apriamo questo numero con l’audizione che il capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare ha tenuto di fronte alle Commissioni Difesa di Camera e Senato lo scorso 18 maggio.

Un punto di situazione sulla Forza Armata, quello fornito dal gen. s.a. Enzo Vecciarelli, che abbiamo ritenuto di grande interesse per i nostri lettori e che, pertanto, abbiamo scelto per il nostro “focus on”. Una fotografia completa e aggiornata di compiti, capacità, impegni operativi e programmi, dalla quale emergono le linee guida strategiche per comprendere gli orientamenti attuali e futuri di quel «grande patrimonio della Nazione», sono parole del Capo di SMA, qual è l’Aeronautica Militare.

Rimaniano, per così dire, in Forza Armata, con l’articolo in cui abbiamo riassunto i motivi per cui si può parlare oggi di piena maturità del sistema d’arma Eurofighter 2000 e con il servizio che abbiamo realizzato presso l’Accademia Aeronautica di Pozzuoli per portare alla luce il “dietro le quinte” della cerimonia del giuramento collettivo, vista per una volta da diverse prospettive allo scopo di mettere in luce aspetti non sempre totalmente conosciuti della vita e dell’attività del massimo Istituto

Per quanto riguarda le forze aeree straniere, in questo terzo numero del 2016 la Rivista Aeronautica si è spinta negli USA per visitare il 33rd Fighter Wing di Eglin, in Ucraina per conoscere da vicino la realtà dei reparti che operano con i Su-24 Fencer e in Spagna, “sulle orme”, è proprio il caso di dirlo, del “Tiger Meet”.

Quindi abbiamo i saloni aeronautici di Berlino, con il tradizionale appuntamento dell’ILA, e di Marrakech, dove sono intervenute anche le “Frecce Tricolori”, tra gli elementi di maggior richiamo dell’Air Show di Leeuwarden, nei Paesi Bassi, il primo in Europa ad aver annoverato, in “static display” e nel “flying program”, il nuovissimo F-35.

Il resoconto dello studio sul volo ipersonico condotto dal gruppo di lavoro del CESMA, il Centro Studi Militari Aeronautici, precede quindi la sezione storica, interamente dedicata a una rilettura dell’attività dei fratelli Wilbur e Orville Wright, che oggi possiamo considerare a pieno titolo i padri della scienza della sperimentazione in volo. Questo e molto altro in una Rivista Aeronautica, come sempre, tutta da leggere.

Buona lettura!

Stefano Cosci

 

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.