Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Ministero della Difesa
Aeronautica Militare
Rivista Aeronautica n.2/2016

Il nuovo capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica, la cerimonia, alla presenza del Capo dello Stato, per il 93° anniversario della costituzione della Forza Armata sono gli argomenti che, “di diritto”, occupano la posizione di pregio in questo secondo numero del 2016 della Rivista Aeronautica.

Non potrebbe essere altrimenti perché si tratta di momenti importanti, fondamentali per un’Istituzione e un’organizzazione qual è l’Aeronautica Militare. Ciò senza nulla togliere a quello che, invece, è un po’ il vero “pezzo forte” del fascicolo, il nostro reportage sulla trasferta degli Eurofighter negli USA per la “Red Flag” 16-2. Un traguardo operativo, addestrativo e logistico dell’Aeronautica Militare al quale abbiamo dedicato la nostra copertina.

Non solo perchè questa è stata la “prima volta” dei Typhoon italiani, una partecipazione attesa per un sistema d’arma ormai maturo, ma anche perché questo risultato così importante, giunto subito dopo il “ferry flight” dell’F-35 attraverso l’Atlantico, è stata un’ulteriore dimostrazione della capacità di proiezione della Forza Armata. Capacità che, non lo dimentichiamo, è innanzitutto, una capacità dell’intero Strumento Militare nazionale.

L’impegno all’estero e al servizio dei cittadini ha avuto ampio risalto nei discorsi ufficiali e nella liturgia degli eventi del 93° anniversario, che hanno offerto l’occasione anche per richiamarne l’origine interforze dell’Aeronautica Militare. Ufficiale di Cavalleria, si ricorderà, era il magg. Francesco Baracca, l’Asso della Caccia Italiana che, cent’anni fa, conseguì la sua prima vittoria.

Un evento che abbiamo voluto ricordare con un articolo attraverso il quale ricostruire le origini di un mito che ha presto valicato i confini del mondo aeronautico, vista la fama e il prestigio di cui gode oggi in tutto il mondo l’emblema del Cavallino Rampante, che di Baracca fu l’insegna personale.

Ci sia consentito, infine, ringraziare tutti coloro – lettori, abbonati e non solo – che, numerosissimi, ci hanno fatto giungere il loro apprezzamento per il restyling grafico inaugurato con lo scorso numero. Sinceramente non speravamo tanto. Un incoraggiamento che ci spin ge a continuare in questa direzione per offrire una Rivista Aeronautica ancora più bella, ma, soprattutto, come sempre, tutta da leggere.

Buona lettura!

Stefano Cosci

 

Questo sito utilizza cookie tecnici e analitici, anche di terze parti, per migliorare i servizi.

Se vuoi saperne di più clicca qui. Continuando la navigazione accetterai automaticamente l’utilizzo dei cookie.